La Grecia e l’Italia, insieme, per un’operazione culturale sinergica, dedicata ai capolavori delle avanguardie russe di inizio secolo. Protagonista è un nucleo della straordinaria collezione di George Costakis, grande appassionato d’arte russo, di origini greche, che salvò dalla censura del regime stalinista moltissime opere considerate deviate, dannose, irriverenti.

Opere di  artisti di peso – da Victor Bobrov a Kazimir Malevič, dai fratelli Ender a Alexej Morgunov, da Solomon Nikritin a El Lisickij – conservate dal Museo d’Arte Contemporanea di Salonicco ed oggi esposte a Torino, negli spazi di Palazzo Chiablese, dimora nobiliare del centro storico cittadino, ex residenza sabauda. “Avanguardia Russa. Da Malevič a Rodčenko capolavori dalla collezione Costakis”, curata da Maria Tsantsanoglou e Angeliki Charistou, raccoglie ben trecento lavori, affiancati da un pregevole apparato documentario, utile per una ricostruzione storica  che si intreccia con il percorso espositivo.
Per scoprirequesto corpus di tele, disegni, acquerelli, gouache, a cui si aggiungono le splendide ceramiche dipinte di Kandinskij, c’è tempo fino al prossimo 15 febbraio. Intanto, nell’attesa di un video report d’approfondimento, godetevi lo spot realizzato da Artribune Television.

Helga Marsala

www.mostracostakis.it

 

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.