Un cavallo a Palazzo Te. Colpa di Mimmo Paladino

Palazzo Te, Mantova – fino al 1° febbraio 2015. Un cavallo con dentro un uomo. Certo, viene subito in mente Odisseo e il cavallo di Troia. Ma qui ci sono anche gli equini amati da Francesco II Gonzaga. Perché siamo dentro Palazzo Te, e la scultura è firmata da Mimmo Paladino.

Mimmo Paladino, Zenith. Architettura per Mantova, 2014 - fusione in alluminio – photo credits Giuseppe Avallone e Il Cigno GG Edizioni 2014

Tra i principali esponenti della Transavaguardia, Mimmo Paladino (Paduli, 1948) è portatore di un linguaggio divenuto nel tempo sempre più libero dalle categorie di genere. Per Mantova realizza un enorme cavallo di alluminio e matrici di tufo per collocarlo nella Sala dei Cavalli presso Palazzo Te. È l’archetipo del cavallo, in particolare dei sei preferiti da Francesco II Gonzaga raffigurati in questa sala, il cavallo assoluto, incarnazione della fiera essenza dei suoi simili, eretto a custode di una memoria non umana. E senza bisogno di cavalieri né condottieri di qualunque fattispecie, espande un’aura aliena, rivelando nel ventre un uomo. Un Ulisse, forse, che, a bordo di un modello di solida armonia, sfugge a un futuro antico per approdare a una concezione del tempo universale, in cui anche l’arte è un susseguirsi d’eventi concatenati e sempre contemporanei come il legame tra l’opera di Paladino e le figure disposte lungo lo spazio mantovano.

Domenico Russo

Mantova // fino al 1° febbraio 2015
Mimmo Paladino
PALAZZO TE
Viale Te 13
0376 323266
[email protected]
www.palazzote.it

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/38543/mimmo-paladino-nella-sala-dei-cavalli/

CONDIVIDI
Domenico Russo
Domenico Russo è laureato in Beni Artistici, Teatrali, Cinematografici e dei Nuovi Media presso l’Università di Parma. Ha collaborato con il Teatro Lenz e con la Fondazione Magnani Rocca. È impegnato come curatore in una ricerca che lo spinge alla continua scoperta dei linguaggi emergenti dell’arte contemporanea.
  • Mimmo o Domenico Paladino bravo vai avanti sei grande