La rievocazione della Disfida di Barletta? Si fa in mostra

Castello e Palazzo Marra, Barletta – fino al 14 dicembre 2014 e al 15 febbraio 2015. La storia è quella della Disfida di Barletta, che Massimo D’Azeglio raccontò nel suo romanzo storico dedicato a Ettore Fieramosca. Ma la rievocazione getta un ponte tra antico e contemporaneo. In un grande progetto che ha coinvolto con più iniziative tutta la città.

Il percorso è lungo, ma vale la pena di farlo tutto. Primo stop al Castello della città, dove il Cineclub Canudo ha organizzato un doppio appuntamento: (Di)sfide Contemporanee, sotto la cura di Antonio Musci, Daniela Di Niso e Bruno di Marino. Al piano terra Pierre Coulibef dialoga, fedele alla propria ricerca a partire dall’opera di grandi artisti, con cui collabora e un po’ ingaggia una singolar tenzone, con Jan Fabre in una grande videoinstallazione. Gli Elastic – Group con Milky Way ipnotizzano lo spettatore con un cadenzato, lento, suadente ribollire di una sostanza bianca, che è un po’ lava, un po’ lunare o forse è semplicemente latte, cui fanno da contraltare le affascinanti  animazioni di Igor Imhoff e le poetiche e nello stesso tempo misteriose scene in video incorniciate da Raffaele Fiorella, questi ultimi protagonisti, inoltre, di un mapping che ha animato la facciata del castello all’inaugurazione.
Al piano di sopra, per De Bello Natura, dove astrazione e figurazione si incontrano per raccontare il rapporto tra uomo e natura, e con la storia dell’arte – video e fotografia sempre protagonisti – Peter Campus scompone le sue immagini esasperando i pixel e dando ai paesaggi una connotazione quasi impressionista. I paesaggi di Antonio Trimani, a volte di magrittiana memoria, traggono in inganno con la nitidezza dell’immagine veridica per poi rivelare connotati di surrealtà. Infine Kathleen J. Graves ci avviluppa in queste nature lussureggianti a prima vista suadenti, ma forse per questo spaventose. L’occhio non riesce a contenerle tutte e i colori lividi nascondono qualcosa di inquietante.

(Di)sfide Contemporanee (Antonio Trimani, Kathleen J. Graves) - Castello di Barletta, 2014
(Di)sfide Contemporanee (Antonio Trimani, Kathleen J. Graves) – Castello di Barletta, 2014

Una visita merita anche Palazzo della Marracon la mostra storica La Spada e la battaglia che fa dialogare dipinti (tra cui uno splendido Appiani) del patrimonio civico o prestiti e i raffinati manufatti cinquecenteschi della collezione Cafiero. E se proprio non vi è bastata, al piano di sopra trovate la collezione De Nittis, riorganizzata con il coordinamento scientifico di Christine Farese Sperken.

 

Santa Nastro

 

Barletta // fino al 14 dicembre 2014
(Di)sfide Contemporanee
a cura di Antonio Musci, Daniela Di Niso e Bruno di Marino
CASTELLO
Piazza Fratelli Cervi
0883 578621
[email protected]
www.barlettamusei.it 

Barletta // fino al 15  febbraio 2015
La Spada e la battaglia
PALAZZO DELLA MARRA
Via Cialdini 74
0883 538373
[email protected]
www.barlettamusei.it

MORE INFO: http://www.artribune.com/dettaglio/evento/39566/disfide-contemporanee

 

 

CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.