La creazione artificiale della natura. Marco (non Mario) Schifano a Milano

Studio Giangaleazzo Visconti, Milano – fino al 21 marzo 2015. Una mostra di 35 fotografie di un giovane fotografo romano, Marco Schifano, che mescola realtà e finzione. In un susseguirsi di tabelaux vivants e nature morte che ricordano la precisione e la costruzione dei dipinti antichi.

Marco Schifano - Leone, 2012, stampa su carta baritata montata su alluminio, 104 x 140 cm

Marco Schifano (Roma, 1985) mette in luce parte della realtà, soffermandosi solo su alcuni aspetti particolari, ideati per stupire, accostando elementi che nella vita reale sarebbe quasi impossibile vedere. I soggetti delle fotografie, di grosse dimensioni, sono uomini, animali e insetti che sembrano uscire da un’altra realtà. Gli animali, grandi o piccoli, sono inseriti in una sorta di quadro d’impostazione antica, ma estraniati dal contesto naturale, all’interno di un ambiente artefatto. Nel caso della serie Sauvages, invece, i protagonisti umani sono organizzati teatralmente, in una natura artificiale, come fossero parte di un set cinematografico. Inoltre in tutte le fotografie lo sfondo è nero, trasmettendo la sensazione di un’atmosfera notturna e ancora più irreale. Non è colto l’attimo, a favore di una preparazione accurata e sapiente: come un pittore che precedentemente elabora la sua tela.

Silvia Fusaro

Milano // fino al 21 marzo 2015
Marco Schifano
STUDIO VISCONTI
Corso Monforte 23
02 795251
[email protected]
www.studiovisconti.net

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/37048/marco-schifano/

CONDIVIDI
Silvia Fusaro
Silvia Fusaro (Varese, 1988) è laureata in Scienze dei Beni culturali all’Università degli Studi di Milano, con una tesi in Storia dell’arte dell’India e dell’Asia centrale sulla collezione del Gandhara al Museo di Arte Orientale di Torino. È da sempre interessata all’arte dall’antichità ai giorni nostri e alle differenze e comparazioni della produzione artistica nelle varie culture del mondo, nonché alla realtà culturale del proprio territorio. Ha collaborato con l’Associazione Amici di Piero Chiara all’interno del Festival del Racconto, premio letterario che si tiene annualmente a Varese, e ha collaborato presso musei e mostre come il Chiostro di Voltorre (Varese) e Palazzo Reale a Milano. Attualmente studia Storia e critica dell’arte all’Università degli Studi di Milano.