I pupazzi ancestrali di Luca Lanzi. Alle Officine Saffi

Officine Saffi, Milano – fino al 17 gennaio 2014. Pupazzi in terracotta a metà strada fra il reperto archeologico e la cultura otaku. Ma anche grafiche, disegni e sculture in cartapesta: ecco i serissimi giocattoli di Luca Lanzi.

Affonda le mani nella memoria, Luca Lanzi (Bologna, 1977), con la trasfigurazione del proprio vissuto in qualcosa d’altro, totale, universale e quindi senza tempo. E così il tema del gioco, il giocattolo come oggetto, diventa koiné per mettere in comunicazione un immaginario che viene da lontano, con accenti che rimandano all’antico – persino al preistorico – e altri che si specchiano invece nella tradizione popolare, sconfinando in una iconografia che ricorda le tribù metropolitane otaku. Siamo alla definizione plastica dell’homo ludens, insomma, che riconosce nel gioco le proprie radici sociali, linguistiche e relazionali.
Lo fa con pupazzi in terracotta dal ghigno inquieto e dalla pelle brunastra tatuata di segni enigmatici, quasi nuragici o camuni, che sembrano usciti dalla mente manga di Takashi Murakami. Lo conferma con pagliacci e feticci felliniani e lo ribadisce, con forza, nelle grafiche, nei disegni, nelle composizioni in cartapesta. Su cui aleggia inafferrabile il mistero di uno spettro di inquietudine.

Francesco Sala

Milano // fino al 17 gennaio 2015
Luca Lanzi – La mano e l’idolo
a cura di Laura Borghi
OFFICINE SAFFI
Via Saffi 7
02 36685696
[email protected]
www.officinesaffi.com

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/39922/luca-lanzi-la-mano-e-lidolo/

 

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.