La young genaration di Onomatopoeia. Charles Avery per il nuovo spazio di Sales

Studio Sales, Roma – fino al 23 gennaio 2014. Norberto Ruggeri inaugura il nuovo, intimo spazio, al terzo piano di piazza Dante 2. E lo fa con la quinta mostra personale di Charles Avery, intitolata “What’s so great about Happiness? – The people and things from Onomatopoeia – Part 2”.

The Isladers è il progetto iniziato da Charles Avery (Oban, 1973; vive a Londra e Mull) nel 2004, nel quale racconta degli abitanti di un’isola immaginaria e delle loro vite. In quest’occasione, per lo Studio Sales l’artista scozzese ha prestato attenzione a tutto lo spazio espositivo, realizzando disegni, walldrawing e alcuni oggetti, presentando la scena giovanile della città portuale di Onomatopoeia. Lo spettatore è coinvolto come se divenisse turista/viaggiatore con la possibilità di “entrare” e curiosare nel mondo young degli Islanders, conoscerne le abitudini e gli stili di vita: da quelli che per racimolare qualche spicciolo raccolgono le alghe e le vendono a peso, come è illustrato in Untitled (Kelp weighing), a quelli che bighellonano fumando sui gradini (Untitled (Youths Smoking on Steps)), nuotatrici o giovani teenager nella loro stanza. Un giorno l’artista spera di raccogliere tutto il frutto della sua fantasiosa parallela dimensione in volumi enciclopedici, benché finora vi siano solo i due fermalibri che li conterranno.

Martina Adami

Roma // fino al 23 gennaio 2015
Charles Avery – What’s so great about Happiness? The people and things from Onomatopoeia. Part 2
STUDIO SALES
Piazza Dante 2/7
06 77591122
[email protected]
www.galleriasales.it

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/39886/charles-avery-whats-so-great-about-happiness/

 

CONDIVIDI
Martina Adami
Critica e curatrice, vive e lavora a Roma. Ha collaborato con l’Istituto Nazionale per la Grafica alla digitalizzazione e archiviazione della collezione video, nonché alla realizzazione di diverse mostre. Nel 2011 è stata corrispondente da Londra per: Exibart, Exibart International e Inside Art. Attualmente collabora con diverse riviste di settore e scrive per il blog CasaNoi curando la sezione “Arte e architettura” e “Arredamento e fai da te”.
  • Tratti sottili e raffinati, ma anoressici e gracili m ma forse c’è una vera empatia pensiero poco critico bye R. Scala