Lana Del Rey + Mark Rothko. Le addizioni impossibili di Michael Bevilacqua

The Flat, Milano – fino all’8 novembre 2014. Lo spirituale nell’arte secondo Michael Bevilacqua. Che mette insieme Mark Rothko e Lana Del Rey, per un pantheon tutto da scoprire.

In occasione della sua quarta mostra da Massimo Carasi, Michael Bevilacqua (Carmel, California, 1966; vive a New York) trasforma gli spazi del basement di Porta Venezia nella sua personale cappella. Il riferimento a Rothko è esplicito ma non ovvio. Anche in questa occasione l’artista ribadisce le sue doti di alchimista nell’unire sacro e profano, alto e basso, alla ricerca di un risultato altro. La citazione del maestro dell’Espressionismo astratto si confronta perciò con i testi delle canzoni di Lana Del Rey, mentre il tutto viene declinato secondo un colorismo puntuale fatto di vernice spray, vibrante alla luce di neon e candele. Una sacralità “chiusa dal di dentro”, che si nutre delle infinite rotte non lineari che potenzialmente uniscono estremi opposti.

Maria Marzia Minelli

Milano // fino all’8 novembre 2014
Michael Bevilacqua – Electric Chapel: the Spiritual in Art
THE FLAT
Via Paolo Frisi 3
02 58313809
[email protected]
www.carasi.it

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/37300/michael-bevilacqua-electrical-chapel-the-spiritual-in-art/

 

CONDIVIDI
Maria Marzia Minelli
Maria Marzia Minelli (Bergamo, 1985). Dopo essersi laureata in Architettura presso il Politecnico di Milano con un progetto di trasformazione di una cava dismessa in una scultura territoriale, decide di seguire la sua passione per l'arte contemporanea iscrivendosi al Luiss Master of Art, del quale è attualmente studentessa. Con l'obiettivo di nutrire il suo forte interesse per le relazioni che si possono instaurare tra arte e architettura, collabora con lo studio di Attilio Stocchi in occasione di Lucegugliavoce (2007) e, durante il periodo universitario, con l'Osservatorio Public Art coordinato da Emilio Fantin. Dall'aprile 2013 cura per il magazine Hestetika la rubrica Arte in città, dedicata all'arte pubblica.