La gloria in formato uomo. Una mostra a Carpi

DarkRoom Silmar Art Gallery, Carpi – fino al 12 ottobre 2014. Una serie di dipinti e una scultura a raffigurare la povertà gloriosa dell’uomo contemporaneo. Massimo Lagrotteria racconta, con una pittura corposa, la ricerca indefinita di assoluto da parte dell’uomo.

Una pittura potente e una testa di cemento e ferro per descrivere la pochezza dell’uomo. Un contrasto intrigante che ben si addice alle pareti nere della galleria carpigiana. Volti e corpi umani che emergono dal nero del bitume, lottatori e machi che esibiscono una forza velleitaria e quanto mai vacua. Massimo Lagrotteria (Lucerna, 1972; vive a Carpi),ispirandosi al tema della ricerca della “gloria” in quanto tale, ne travalica il senso e ci riporta alla mancanza di spessore dell’animo umano al tempo della crisi. E se la galleria dei personaggi di varia umanità ha tutta la dignità della statuaria antica nella posa e nella rappresentazione, è in realtà aggredita da un senso di vuoto – indicato anche attraverso le colature pittoriche – che traspare dall’espressione dei volti, a significare la resa inerme di fronte all’ineluttabilità del destino.

Francesca Baboni

Carpi // fino al 12 ottobre 2014
Massimo Lagrotteria – In excelsis homo
a cura di Andrea Saltini
DarkRoom SilmarArtGallery
Via Carducci 340
059 686995
[email protected]
www.darkroomsilmar.it

 

 

 

 

CONDIVIDI
Francesca Baboni
Francesca Baboni vive a Correggio (Re). Laureata in Lettere Classiche con indirizzo storico-artistico all'Università di Bologna, è critico d'arte, storico dell'arte e curatrice indipendente. Da diversi anni cura per spazi privati ed istituzionali mostre personali e collettive di artisti contemporanei, con un'attenzione particolare alla pittura e alla fotografia. Collabora con il Centro Studi Correggio Art Home dedicato al pittore Antonio Allegri detto Il Correggio per conferenze, ricerche e visite guidate, ed è membro del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Il Correggio, che ne gestisce l'attività.