La città ideale di Victor Burgin

Galleria Lia Rumma, Milano – fino al 29 novembre 2014. Raffinatezza estetica e concettuale in scena nei tre piani della galleria di via Stilicone. Victor Burgin allestisce un intervento ad hoc e due opere storiche.

Il tema della citazione come cardine dell’ultimo progetto site specific di Victor Burgin (Sheffield, 1941), The ideal city, presentato nello spazio d’ingresso della galleria. A partire dalle tre Vedute di città ideale (conservate a Urbino, Baltimora e Berlino) l’elaborazione personale di singoli frammenti architettonici trova posto in un “quadro” di elementi noti, fino a includere l’immagine stilizzata della Casa del Fascio di Giuseppe Terragni. A cavallo fra memoria collettiva e ricordo personale, Burgin rielabora figure e pensieri che, quando supportati dal rimando a immagini conosciute, sono rassicuranti, quando attingono a creazioni ex novo, diventano a tratti angoscianti.
Negli ambienti ai piani superiori: il progetto del 1982, Hôtel Latône, mescola immagini e parole, realizzando un originale loop fotografico-narrativo nel quale immergersi. Più sfumata, se non nel titolo, è la citazione de L’eclisse di Michelangelo Antonioni nel video Solito posto del 2008. I rimandi sono a Venezia e a Milano secondo un gioco di libere associazioni praticate dall’artista, in cui l’objet trouvé, rinvenuto nel parco del Monte Stella – una piastra bullonata con un inquietante triangolo equilatero inciso – si alterna alle immagini di un campo veneziano e a testi ispirati da questa città.

Giovanna Procaccini

Milano // fino al 29 novembre 2014
Victor Burgin – The Ideal City
LIA RUMMA
Via Stilicone 19
02 29000101
[email protected]
www.liarumma.it

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/37406/victor-burgin-the-ideal-city

 

CONDIVIDI
Giovanna Procaccini
Giovanna Procaccini, napoletana, si laurea in architettura e si specializza in storia dell’arte all’Università degli Studi di Napoli Federico II. Si diploma come addetto alla conservazione e restauro dei dipinti su tela. Critica e curatrice, si occupa d’arte contemporanea in ogni suo aspetto. Ha lavorato come assistente presso la Cardi Galleria d’Arte di Milano e la Galleria Alfonso Artiaco di Napoli. Ha svolto contratti a progetto con il PAN | Palazzo delle Arti Napoli e con la Fondazione Internazionale Studi Superiori di Architettura. Si è occupata di didattica per Progetto Museo e per gli Amici dei Musei – Sez. Giovanile Napoli. Ha curato mostre di architettura e di artisti emergenti presso spazi pubblici e private gallerie d’arte. È consulente tecnico d’ufficio per il Tribunale di Napoli e svolge ruolo di consulente per alcuni collezionisti d’arte. Dalla sua fondazione, nel 2011, collabora con Artribune. Precedentemente, dal 2005, ha collaborato con le piattaforme editoriali Exibart e Zero.