Ivano Troisi e le filigrane di profili di conchiglie

Galleria Tiziana Di Caro, Salerno – fino al 29 novembre 2014. La carta fatta a mano, realizzata dall’artista stesso, rimane il supporto ideale per Ivano Troisi. Ora per raccontare i ritrovamenti sul litorale durante una passeggiata. Fra scienza e poesia.

Ivano Troisi(Salerno, 1984), dopo la residenza in Basilicata, torna a casa per la sua seconda personale presso la Galleria Tiziana Di Caro. Il ritrovamento sulla spiaggia di piccole conchiglie gli fa porre la lente d’ingrandimento sulla bellezza e la complessità delle forme di cui queste si compongono. Dopo esser state raccolte, queste forme naturali, ricreate dapprima su telaio per poi essere impresse su carta, raccolgono a loro volta una luce che varia in relazione allo spazio che le ospita. Si tratta di scatole luminose che presentano sulla parete interna uno specchio, capace di riflettere e rivitalizzare una fonte luminosa già presente nell’ambiente. L’artista studia la materia e le sue implicazioni, gli immaginari ad essa legata e la sua più profonda natura. L’esposizione è volta a rappresentare una completezza, insita nel mondo naturale, che non ha bisogno di ulteriori delucidazioni.

Arianna Apicella

Salerno // fino al 29 novembre 2014
Ivano Troisi
Tiziana Di Caro
Via delle Botteghelle 55
089 9953141
[email protected]
www.tizianadicaro.it

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/38067/ivano-troisi/

 

CONDIVIDI
Arianna Apicella
Arianna Apicella (Salerno, 1993) ha studiato presso il liceo classico Torquato Tasso. Attualmente è iscritta all’Università degli Studi di Napoli l’Orientale dove studia cinese e inglese. Appassionata alla letteratura e alle arti visive, ha sperimentato il disegno fumettistico, l’approccio al palcoscenico e alla scrittura.