Bruna Esposito e l’inconveniente bizantino. A Milano, da Federico Luger

Federico Luger Gallery, Milano – fino al 14 novembre 2014. L’artista romana assedia i due piani della galleria. Indizi e deterrenti, vittime e vittimismi rilucono come coperte isotermiche e pungono come aghi antipiccione. Una personale in cui vita sottrae vita, sulle tracce di una presenza umana.

Bruna Esposito, Se fossi sasso, 2014, Cellophane, pigeon deterrent, shoe, stone on wooden panel, 75 x 77 cm.

La galleria riluce, trasparente, tra l’oro e il celeste. Inconveniente non è solo il titolo dell’ultima personale di Bruna Esposito (Roma, 1960), ma è il sentimento ambivalente di un immaginario, un universo che raccoglie tracce a priori e a posteriori. Racconti sulle nuove intuizioni, registrate di recente dall’artista di origini napoletane. Mentre il primo piano della galleria accoglie la grande installazione composta da tavoli da mercato, dal titolo All’aria aperta,intervento riflesso da altri campi prospettici posti a parete (Orizzonte e Cielo, entrambi del 2014), nel piano interrato Esposito mette in atto l’allestimento di una riflettente scena del crimine. Senza movente. Tra scope intoccabili, trittici dorati, antipiccione pendenti e innumerevoli tracce umane accennate (specchi infranti, scarpe, portafogli, zerbini e sassi), la personale si addensa presentandosi come la reiterazione apparente di un linguaggio costellato, crivellato di visioni e di loro cortocircuiti.

Ginevra Bria

Milano // fino al 14 novembre 2014
Bruna Esposito – Inconveniente
FL GALLERY
Via Circo 1
02 67391341
[email protected]
www.flgallery.com

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/37386/bruna-esposito-inconveniente/

 

CONDIVIDI
Ginevra Bria
Ginevra Bria è critico d’arte e curatore di Isisuf – Istituto Internazionale di Studi sul Futurismo di Milano. E’ specializzata in arte contemporanea latinoamericana. In qualità di giornalista, in Italia, lavora come redattore di Artribune e Alfabeta2. Vive e lavora a Milano.