Adriano Costa. L’assenza della messa in scena

Peep-Hole, Milano – fino all’8 novembre 2014. La prima personale in un’istituzione italiana del brasiliano Adriano Costa. L’artista si relaziona con lo spazio muovendosi parallelamente ai materiali scelti e alle tematiche reinterpretate. Dando vita a una delicata, invisibile dichiarazione di poetica.

Adriano Costa (San Paolo, 1975) accoglie il visitatore, al primo piano della Fonderia Battaglia, con un altorilievo a parete, una targa bronzea dal titolo Brazilian wax. Quasi fosse una promulgazione, la superficie porta impresso su di sé, con ironia, uno degli stereotipi tematici ed economici (uno tra i prodotti brasiliani di maggior esportazione internazionale) appartenenti a un mondo ancora considerato retrogrado nei confronti degli stilemi culturali europei. Nella stanza principale, invece, è stato allestito International Division of  Labour – 2 (2014), progetto installato su una pedana scura e composto da borse e cinture contraffatte, a loro volta riutilizzate come portariviste. Nell’ultima sala, How to Be Invisible in High Heels (2014)lavora con un impasto di cemento, sabbia e terra rossa, costituendo una nuova Stonehenge; un gruppo di lastre umano-litiche realizzate a immagine e somiglianza delle altezze (comprensive di tacchi) di alcune transessuali brasiliane incontrate a Milano dall’artista, durante il suo soggiorno.

Ginevra Bria

Milano // fino all’8 novembre 2014
Adriano Costa – La commedia dell’arte
PEEP-HOLE
Via Stilicone 10
339 7656292
[email protected]
www.peep-hole.org

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/38197/adriano-costa-la-commedia-dellarte

 

CONDIVIDI
Ginevra Bria
Ginevra Bria è critico d’arte e curatore di Isisuf – Istituto Internazionale di Studi sul Futurismo di Milano. E’ specializzata in arte contemporanea latinoamericana. In qualità di giornalista, in Italia, lavora come redattore di Artribune e Alfabeta2. Vive e lavora a Milano.