L’autunno di Becky Beasley da Francesca Minini. Tra Bas Jan Ader e Saul Bellow

Galleria Francesca Minini, Milano – fino al 15 novembre 2014. Una mostra dedicata all’autunno, quella che l’inglese Becky Beasley allestisce nel capoluogo lombardo. Fra sculture e fotografie, siamo andati a visitarla in anteprima.

Si sta come d’autunno sugli alberi le foglie” è la poesia Soldati di Ungaretti. Il riferimento è alla condizione di chi combatte. Potrebbe riassumere la personale di Becky Beasley (Portsmouth, 1975). La mostra è intitolata Fall e il rimando è all’opera di Bas Jan Ader, scomparso in mare nell’anno in cui Becky nasceva. In galleria ci sono sculture e fotografie. L’autunno è un momento fisico e temporale sospeso. Ognuna delle grandi foto che dà il titolo alla mostra presenta una grande noce che sembra piovere dall’alto, in una sorta di sospensione. Sospesa è anche l’installazione Bearing, composta dafusioni in ottone di rami raccolti dal padre dell’artista dopo la tempesta di San Giuda, in Inghilterra. Tra le altre opere in mostra, Camera, costituita da una serie di piccole sculture triangolari, che rimandano a un libro aperto dei tascabili Penguin: il romanzo di Saul Bellow del 1944, Dangling Man. La storia di un uomo che attende la chiamata alle armi che però non arriva.

Angela Madesani

Milano // fino al 15 novembre 2015
Becky Beasley – Fall
FRANCESCA MININI

Via Massimiano 25
02 26924671
[email protected]
www.francescaminini.it

CONDIVIDI
Angela Madesani
Storica dell’arte e curatrice indipendente, è autrice, fra le altre cose, del volume “Le icone fluttuanti. Storia del cinema d’artista e della videoarte in Italia”, di “Storia della fotografia” per i tipi di Bruno Mondadori e di “Le intelligenze dell’arte” (Nomos edizioni). Ha curato numerose mostre presso istituzioni pubbliche e private italiane e straniere. È autrice di numerosi volumi di prestigiosi autori fra i quali: Gabriele Basilico, Giuseppe Cavalli, Franco Vaccari, Vincenzo Castella, Francesco Jodice, Elisabeth Scherffig, Anne e Patrick Poirier, Luigi Ghirri. Ha recentemente curato un volume sugli scritti d’arte di Giuseppe Ungaretti. Insegna all’Accademia di Brera e all’Istituto Europeo del Design di Milano.