Helena Hladilová a Torino. Con le sue fontane lacustri

Galleria CO2, Torino – fino al 6 settembre 2014. Lo spazio si riempie di fontane umanoidi in cera e latex, a simulare un lago: è il “Fake Lake” dell’artista ceca Helena Hladilová. Lo scopo? Avvicinare tra loro i concetti di contenuto e contenitore.

Naum (detail) 2014, latex, water pump, electric cables

Effetto straniante e stagnante, come di palude e di lago, ma solo per finta, per una mostra che s’intitola appunto Fake Lake. In questo paesaggio lacustre, ricreato artificialmente da Helena Hladilová (Kroměříž, 1983), non sono più i visitatori gli artefici dei cambiamenti in atto sulle opere. Nell’installazione Vitrine 270°, pensata appositamente per la Gam di Torino, l’artista ceca aveva, infatti, creato una scultura mobile in plastilina sulla quale poteva intervenire liberamente il pubblico, toccandola e spostandola a piacimento. Alla Galleria CO2, invece, pur creando nuovamente una stretta relazione tra i suoi lavori e lo spazio ospitante, Hladilová ha chiamato in causa un altro elemento: l’acqua. Che, fuoriuscendo da arti, teste mozzate e tronchi umani, realizzati nei materiali più diversi (gesso, creta, ceramica, paraffina), ne provoca reazioni imprevedibili, al limite del cortocircuito elettrico.

Claudia Giraud

Torino // fino al 6 settembre 2014
Helena Hladilová – Fake Lake
CO2
Via Arnaldo da Brescia 39
[email protected]
www.co2gallery.com

MORE INFO:

http://www.artribune.com/dettaglio/evento/35121/helena-hladilova-fake-lake/