Gioielli e Fantasia. Un divertissement (non) di lusso in Laguna

Ca’ d’Oro, Venezia – fino all’11 gennaio 2015. La collezione di Gioielli Fantasia appartenente a Patrizia Sandretto Re Rebaudengo trova dimora nelle sale-bijoux dello storico palazzo veneziano. All’insegna di un lusso non esclusivamente per pochi.

Venezia, controversa città-gioiello dove autenticità e finzione si rincorrono, è lo scenario ideale per mettere in mostra gli oltre quattrocento esemplari di Gioielli Fantasia collezionati dalla presidente della nota fondazione torinese. Non preziosi per nascita, e ideati negli Anni Venti come copie destinate agli outfit di alta moda, i monili in questione guadagnano il loro boom di notorietà negli Stati Uniti, durante la Grande Depressione. Sfarzosa e d’impatto, ma senza l’onere lussuoso dei materiali, la Costume Jewelry diventa tendenza, imponendosi su colli e abiti di scena delle dive del cinema, ben oltre gli stenti della guerra mondiale. La mostra, a cura di Rosangela Cochrane, mette in vetrina una sfavillante raccolta di bigiotteria dal design curioso, catalogata per temi e forme, realizzata tra gli Anni Trenta e Settanta, con qualche incursione nella contemporaneità. Bachelite, cristalli e lucite reggono il confronto, almeno in apparenza, con i preziosi autentici, diventando palestra per marchi e designer di prim’ordine come Trifari, Coro, Marcel Boucher e Miriam Haskell. Insomma, un lusso alla portata di molti, ma non di tutti, e un divertissement in linea con il “quasi-vero” della città che lo ospita.

Arianna Testino

Venezia // fino all’11 gennaio 2015
Divine. Splendori di scena. Gioielli Fantasia dalla Collezione di Patrizia Sandretto Re Rebaudengo
a cura di Rosangela Cochrane
GALLERIA GIORGIO FRANCHETTI – CA DORO
Cannaregio 3932
041 5222349
[email protected]
www.cadoro.org

 

CONDIVIDI
Arianna Testino
Arianna Testino è nata nel 1983. Ha studiato storia dell’arte medievale-moderna a Bologna e si è specializzata nelle arti contemporanee a Venezia. Appassionata di scrittura e curatela, è interessata all'approfondimento e all'ideazione di attività artistiche a carattere pubblico e sociale.