Cani Correnti. La logica del capobranco a Bologna

Localedue, Bologna – fino al 3 ottobre 2014. Il motivo ornamentale “cani correnti” è presente in tutte le culture indoeuropee. Ma qui viene declinato in performance da Moe Yoshida. In mostra gli oggetti prodotti dall’artista.

Moe Yoshida – Cani Correnti

All’interno di Localedue, Moe Yoshida (Kakogawa, 1975; vive a New York e Bologna) ha sfruttato il piccolo ambiente per avviare, con un metodo performativo-processuale, una narrazione ciclica incentrata sulla continua lotta tra forte e debole. Durante la performance, durata 18 minuti, l’artista disegna su una risma due ideogrammi, “grande” e “cane”, che in giapponese differiscono tra loro solo per un piccolo segno e che derivano entrambi dalla raffigurazione stilizzata di un uomo con gli arti estesi. Sullo sfondo sono proiettati i gesti di una marionetta rappresentante l’ideogramma “cane”, su cui sono state aggiunte due piume nei punti centrali della comunicazione canina: la coda, al posto del volto umano, e l’orecchio, al posto dell’accento che distingue “cane” da “grande”. Il risultato di queste ibridazioni è un nuovo ideogramma, “piccolo”, creato da Yoshida, che appare come un uomo capovolto, come il risultato di una vittoria solo momentanea perché nato dal riflesso del suo antagonista. Questo fa sì che sia dato nuovo avvio al ciclo.

Carolina Gestri

Bologna // fino al 3 maggio 2014
Moe Yoshida – Cani Correnti
a cura di Gabriele Tosi
LOCALEDUE
Via Azzo Gardino 12c
331 2273841
[email protected]
www.farnespazio.it
MORE INFO: http://www.artribune.com/dettaglio/evento/38596/moe-yoshida-cani-correnti

 

CONDIVIDI
Carolina Gestri
Carolina Gestri (Firenze, 1989) è neolaureata in Storia dell’Arte Contemporanea presso l'Università degli Studi di Firenze con una tesi magistrale incentrata sulla nascita e lo sviluppo della Performance Art in Italia. Ha portato a termine tirocini formativi presso il CCC (Center for Contemporary Culture) Strozzina a Firenze e l’organizzazione non profit di Milano Viafarini DOCVA. Aspirante curatrice, è stata selezionata per il corso-residenza CAMPO 13 presso la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo di Torino. Da gennaio 2013 è Art Editor per Reykjavik Boulevard (a guide for curious people).