Incontri in villa. Una mostra a Trani

Sedi varie, Trani – fino al 31 agosto 2014. Un gruppo di artisti abitano la città pugliese e i suoi luoghi simbolo. Siamo nell’ambito del progetto “Renkontigo”, curato da Leonardo Regano e Liliana Serrone. Per l’ennesimo evento in una Regione che sta emergendo con sempre maggiore forza.

Trani, Rekontigo

Renkontigo, progetto artistico diffuso a cura di Leonardo Regano e Liliana Serrone, declina in modo brillante e innovativo il rapporto tra produzione artistica e territorio, riattivando luoghi fortemente identitari di Trani e conferendo alle opere un forte respiro pubblico. La Villa Comunale, enorme giardino pensile a picco sul mare, ospita le due belle opere di Boris Chouvellon: Days Without Shadow, giostra per bambini realizzata con gli sgabelli in legno delle detenute rinchiuse nel vicino carcere femminile, e Fishermen Pebbles, paradossale barca in cemento. Margherita Fabbri e Martin Romeo danno vita, con Giardino contemporaneo,a una visione della vegetazione in bilico tra realtà e immaginazione. Nel giardino, invece, di Villa La Pietra-Bini, Giacomo Zaganelli costruisce il fantasma dell’identità industriale del luogo, oggi pressoché rimossa, con lo scheletro ferrigno di un corridoio che è traccia della vecchia ciminiera abbattuta nel 2009. Infine, l’intervento di Sergio Recanati nella Villa Guastamacchia ricostruisce in maniera sottile lo spazio e la memoria del luogo, ospitando anche le eleganti reti del collettivo Urbanslow.

Christian Caliandro

Trani // fino al 31 agosto
Renkontigo. Incontri tra arte e territorio
a cura di Leonardo Regano e Liliana Serrone
VILLA COMUNALE
VILLA LA PIETRA-BINI
VILLA GUASTAMACCHIA
347 0519051 / 347 4905514
info@renkontigo.com
www.renkontigo.com

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/35212/renkontigo-incontri-tra-arte-e-territorio/

 

CONDIVIDI
Christian Caliandro
Christian Caliandro (1979), storico dell’arte contemporanea, studioso di storia culturale ed esperto di politiche culturali, insegna storia dell’arte presso l’Accademia di Belle Arti di Foggia. È membro del comitato scientifico di Symbola Fondazione per le Qualità italiane. Ha pubblicato “La trasformazione delle immagini. L’inizio del postmoderno tra arte, cinema e teoria, 1977-’83” (Mondadori Electa 2008), “Italia Reloaded. Ripartire con la cultura” (Il Mulino 2011, con Pier Luigi Sacco) e “Italia Revolution. Rinascere con la cultura” (Bompiani 2013). Cura su “Artribune” le rubriche inpratica e cinema; collabora inoltre regolarmente con “La Gazzetta del Mezzogiorno”, “minimaetmoralia”, “che-Fare”. Ha curato mostre personali e collettive, tra cui: “The Idea of Realism // L’idea del realismo” (2013, con Carl D’Alvia), “Concrete Ghost // Fantasma concreto” (2014), entrambe parte del progetto “Cinque Mostre” presso l’American Academy in Rome; “Amalassunta Collaudi. Dieci artisti e Licini” presso la Galleria d’Arte Contemporanea “Osvaldo Licini” di Ascoli Piceno (2014); “Sironi-Burri: un dialogo italiano (1940-1958)” presso lo spazio CUBO (Centro Unipol Bologna, 2015); “RIFTS_Abate, Angelini, Veres” (Artcore, Bari 2015); “Opera Viva Barriera di Milano” (Torino 2016); “La prima notte di quiete” (i7-ArtVerona, 2016).