Dalla Slovacchia a L’Aquila. Per un omaggio a un artista scomparso

Gran Sasso Science Institute, L’Aquila – fino al 30 agosto 2014. Una settimana di bontà (e di amore). La coppia Kveta e Koller, in ricordo dell’artista scomparso nel 2007. Per un racconto a quattro mani che dice molto sull’arte contemporanea slovacca.

Kveta Fulierova & Julius Koller - Amo Amare

La Slovacchia a L’Aquila. In occasione della 720esima edizione della Perdonanza Celestiniana (con la quale Celestino V nel 1294 concesse l’indulgenza a tutti gli aquilani, in occasione della sua incoronazione a Pontefice), apre in Abruzzo la mostra Amo Amare. Dura una settimana, l’appuntamento curato da Massimiliano Scuderi che presenta l’opera di Ksetoslava Fulierova e Julius Koller, figura importante nel panorama contemporaneo slovacco, scomparso nel 2007, marito e moglie nella vita. La mostra, si legge nel testo del curatore,“è una preziosa quanto inedita testimonianza della loro relazione, tra ricerca artistica e intimità quotidiana, ma anche la documentazione di come il loro rapporto abbia segnato la stessa ricerca artistica di Koller. Da un punto di vista privato, Kveta ricorda la convivenza con un partner particolare, la loro ispirazione reciproca e rivela la genesi di alcune delle loro opere realizzate a quattro mani”.

Santa Nastro

L’Aquila // fino al 30 agosto 2014
Kveta Fulierova & Julius Koller – Amo Amare
a cura di Massimiliano Scuderi
GSSI – GRAN SASSO SCIENCE INSTITUTE
Viale Francesco Crispi 7
0862 4280262
[email protected]
www.gssi.infn.it

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/37712/amo-amare/

 

CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.