Underground finesse: il factory boy Christopher Makos da Carla Sozzani

Galleria Carla Sozzani, Milano – fino al 3 agosto 2014. La scena underground newyorchese degli Anni Settanta e Ottanta si tinge di nuove sfumature. Nelle foto in bianco e nero che Christopher Makos mostra in uno degli spazi più chic di Milano.

Christopher Makos - Andy Upside Down,1986 © Christopher Makos

Oltre a ritratti di icone della scena artistica e musicale – Mick Jagger, Deborah Harry, Jean-Michel Basquiat e Keith Haring – ChristopherMakos (Lowell, 1948) presenta a Milano la serie Altered Images con Andy Warhol in vesti femminili, diretto riferimento a Man Ray e Marcel Duchamp, e in particolare al suo alter ego Rose Selavy. Un omaggio teorico oltre che estetico, dove lo sguardo enigmatico e quasi ammiccante di Warhol porta a una riflessione sull’identità sessuale e personale dell’individuo, e sulle mille sfaccettature dell’animo umano.
Questa moltitudine e il suo riflesso sulla vita pubblica e privata, e come il confine tra questi due mondi sia spesso impalpabile, emerge nell’accostamento tra questa serie e il resto della mostra, in cui l’artista e vari personaggi della Factory vengono ritratti in situazioni più o meno comuni. Un trip in una New York ancora oggi intramontabile.

Ludovica Capobianco

Milano // fino al 3 agosto 2014
Christopher Makos – Altered Images
a cura di Gianni Mercurio
GALLERIA SOZZANI
Corso Como 10
02 653531
[email protected]
www.galleriacarlasozzani.org