Sawyer & Sonne. Contagi astratti alla Brand New Gallery

Brand New Gallery, Milano – fino al 31 luglio 2014. Due artisti si intrecciano sulle lunghe distanze. Tra impronte lasciate dalla fuliggine e reazioni chimiche, la cromia dei due percorsi si interseca all’interno di un solo spazio convergente. A unire i due universi, l’assenza controllata di forma.

Ryan Conrad Sawyer e Kasper Sonne in mostra a Milano

Nella prima galleria, lo spazio privato in via Farini introduce la personale italiana “numero uno” di Ryan Conrad Sawyer (Smithfield, Virginia, 1983; vive Richmond, Virginia, e New York). It’s the least we can do comprende nove lavori di medio-grandi dimensioni così suddivisi: sei tele composte da fuliggine e fissativo mentre, accanto, in corrispondenza dialogano tre stratificazioni assemblate con polimeri di fibra rinforzata e diffusore fluorescente. Talvolta inquietanti tracce senza tempo, talvolta nonsense visuali, i suoi lavori attraggono per la leggibile lentezza esecutiva che lascia trasparire un linguaggio materico e, con la medesima forza, metafisico. Nella seconda galleria, invece, Kasper Sonne (Copenhagen, 1974; vive a New York) allestisce iridescenze chimiche rilasciate attraverso la vernice industriale. Nel suo percorso, dal titolo Bad chemistry, la pragmatica reinterpretativa permette di ipostatizzare, attraverso finestre d’alluminio di diversi formati, alcuni approcci che hanno caratterizzato il lavoro negli anni, traducendo ogni superficie di colore in un frammento rifratto, un universo non-esplorativo di contagi riflessi e immaginati.

Ginevra Bria

Milano // fino al 31 luglio 2014
Ryan Conrad Sawyer – It’s the least we can do
Kasper Sonne – Bad Chemistry
BRAND NEW GALLERY
Via Farini 32
02 89053083
[email protected]
www.brandnew-gallery.com

 

CONDIVIDI
Ginevra Bria
Ginevra Bria è critico d’arte e curatore di Isisuf – Istituto Internazionale di Studi sul Futurismo di Milano. E’ specializzata in arte contemporanea latinoamericana. In qualità di giornalista, in Italia, lavora come redattore di Artribune e Alfabeta2. Vive e lavora a Milano.