Christian Fogarolli e la percezione distorta della normalità

Ca’ dei Ricchi, Treviso – fino all’8 agosto 2014. Questa volta la neonata TRA – Treviso Ricerca Arte collabora con la Fondazione Francesco Fabbri. E dopo la mostra di Emilio Isgrò è il turno della personale di Christian Fogarolli. Dove si gioca a ribaltare il senso comune…

Christian Fogarolli in mostra a Treviso

È un ambiente pulito quello che accoglie le installazioni di Christian Fogarolli (Trento, 1983), uno spazio chiaro e luminoso, quasi asettico, essenziale come gli elementi delle composizioni che trasportano in un percorso sensoriale inaspettato. Le parole sono importanti quanto le immagini e le opere in mostra hanno titoli chiari, che anticipano il successivo capovolgimento di percezioni. I sogni, l’instabilità e il subconscio sono i protagonisti in Walkers e Dreamers: vengono raccontate le esperienze inconsapevoli del sonnambulismo, le fotografie dialogano con lo sguardo dello spettatore provocando una percezione dell’immagine destabilizzante.
Le opere in mostra sottolineano il linguaggio personale di Fogarolli, dove l’ibrido è il leitmotiv, in costante dialogo con ciò che non è normale, alla ricerca di ciò che è diverso, di ciò che è perso, di ciò che è nascosto, mettendo a nudo anche i lati più intimi della personalità. Diversi punti di vista, diverse prospettive in equilibrio precario tra oggettività e soggettività, come in Jean & John e Androgino: sguardi alienanti creano dubbi e incertezze, mettendo in discussione la percezione dell’immagine. Clair è contaminazione tra arte e altre discipline, dove installazioni e fotografie si incontrano in uno spazio in cui ogni certezza e il senso delle cose vengono ribaltate. In Ossimoro, Tape e Tool i mondi dell’arte e della scienza si fondono, creando un contatto tra razionale e irrazionale in installazioni ambigue e interrogative, di forte impatto emozionale. L’intento è ricostruire memorie, recuperare tracce, costruire legami e scoprire deviazioni. Una mostra diversa e un artista da scoprire.

Erica Sevegnani

Treviso // fino all’8 agosto 2014
Christian Fogarolli – Clair
a cura di Carlo Sala
CA’ DEI RICCHI
Vicolo Barberia 25
0422 419990
[email protected]
www.trevisoricercaarte.org

 

CONDIVIDI
Erica Sevegnani
Diplomata in lingue, laureata in storia dell'arte presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore, appassionata di cinema, grafica e design, ha studiato programmazione per le arti visive all'Università di Berkeley. Ha vissuto tra il freddo Trentino, la piovosa Glasgow, l’inaspettata Milano, la medievale Edinburgo, la metafisica Fermo, l'elegante Riga e l'europea San Francisco. Ama l’Italia e le sue ricchezze, ma “i viaggi finiscono laddove s’incontrano gli amanti...”, e così continua a viaggiare con la solita voglia di scoprire luoghi e culture non convenzionali. Ha un debole per il buon vino, il vintage e i fiori.
  • Francesco Bardi, Bassano

    …mah! … Chi sono questi trentenni -locali- con pochissimo background e nessuna originalità? copie di copie di copie …

  • Anna

    Perché lasciate che i vostri reporter abbiano bio così ridicolmente scritte male?

  • Maraross

    Sarò strana io, ma apprezzo moltissimo l’articolo e trovo la Bio efficace, ben scritta e divertente…

    • Anna

      Metta giù quel bicchiere di Talisker.