Simone Pizzinga: il ritratto verso l’astratto

Van Der, Torino – fino al 7 giugno. Dall’incisione a photoshop, il percorso di un ritrattista in “Visti da vicino”. Finissage con performance sonora sabato 7 giugno.

Simone Pizzinga - Van Der, Torino 2014

Ritratto, ricerca e ritmo sono gli ingredienti di Simone Pizzinga, artista classe 1985 uscito dritto dall’Accademia Albertina di Torino e specializzato in incisione. “Il primo anno”, racconta “presentai una sola incisione, e per giunta molto elementare. Il secondo anno mi ritrovai paradossalmente ad affittare uno studio, perché in Accademia si poteva incidere solo due volte a settimana”. Oggi, da Van Der, Pizzinga mostra una svolta: con il gallerista Stefano Riba propone opere che mantengono sì la sua peculiare affezione al ritratto e alla stratificazione dei supporti, ma che sfociano nell’astratto con dinamici e oscuri dettagli espressivi. Il ritmo a cui si affida Pizzinga non emerge comunque solo nella pittura, ma anche dal lavoro del musicista Elia “ake” Pellegrino: “Mentre io dipingevo, lui campionava. Ha poi mixato e suonato il tutto in galleria”. La performance verrà replicata al finissage, sabato 7 nell’ambito della Notte bianca in Vanchiglia.

Angela Pastore

Torino // fino al 7 giugno 2014
Visti da vicino – Simone Pizzinga
VAN DER
Via Giulia di Barolo 13c

333 5205386
[email protected]
www.vandergallery.blogspot.it

CONDIVIDI
Angela Pastore
Pubblicista freelance e web editor, è nata in Basilicata nel 1985. Da sempre residente a Torino, si è laureata alla facoltà di Lettere e Filosofia prima in Comunicazione Interculturale e poi in Culture Moderne Comparate. Nel frattempo, ha scoperto il giornalismo e, negli anni, ha scritto principalmente di amministrativa, ambiente, eventi culturali, musica e politiche giovanili. Collabora con diverse testate e con un'associazione no-profit di Torino che organizza mostre d'arte contemporanea in Italia e all'estero.