Peep-Hole. Analogie digitali da Reims

Peep-Hole, Milano – fino al 12 luglio 2014. Come fra giorno e notte, i due ambienti della Fonderia Battaglia riflettono la coesistenza statica di paesaggi trascendentali e dall’apparenza sensoriale. Un progetto espositivo dal titolo “Heavy words” e gemellato con il FRAC Champagne-Ardenne di Reims. Firmato Antoine Catala.

Antoine Catala Heavy Words, Installation view
Antoine Catala Heavy Words, Installation view
Antoine Catala Heavy Words, Installation view

La prima personale milanese di Antoine Catala (Toulouse, 1975; vive a New York) rientra nel programma pluriennale stabilito fra Peep Hole e un’istituzione straniera: il FRAC Champagne-Ardenne, Reims. Florence Derieux, all’interno della concertazione di attività pianificate sotto il titolo Six Ways to Sunday, cura dunque Heavy words, mostra che divide in due gli spazi di via Stilicone, tra installazioni luminose e laboratori stand-alone dedicati all’immagine. Il lavoro di Catala, sovrapponendo nuove tecnologie ad antiche sensibilità percettive (Il était une fois…, 2012), rende il campo visivo un piano fenomenologico gerarchico, facendo sì che alcuni elementi percettivi, come in Abracadabra (2013), spicchino in ragione delle informazioni e delle giustapposizioni semantiche create tra il contenuto delle fotografie e il loro contenitore. Una personale che lascia a chiunque il giusto tempo di lettura visuale, senza rivelarne alcuna reiterata quotidianità.

Ginevra Bria

Milano // fino al 12 luglio 2014
Antoine Catala – Heavy Words
a cura di Florence Derieux
PEEP-HOLE
Via Stilicone 10
345 0774884
[email protected]
www.peep-hole.org

 

CONDIVIDI
Ginevra Bria
Ginevra Bria è critico d’arte e curatore di Isisuf – Istituto Internazionale di Studi sul Futurismo di Milano. E’ specializzata in arte contemporanea latinoamericana. In qualità di giornalista, in Italia, lavora come redattore di Artribune e Alfabeta2. Vive e lavora a Milano.