Pae White. Dalla California, ogni tre anni a Milano

Galleria Kaufmann Repetto, Milano – fino al 15 maggio 2014. L’artista californiana Pae White torna a Milano dopo tre anni esatti. La sua nuova personale si trasforma in un percorso tattile eppure impalpabile, lineare e a-tridimensionale. Tecnicamente perfetto. Tra neon, collage materici e tessuti istoriati.

L'intervento di Pae White negli spazi della milanese Kaufmann Repetto

Dopo la sua ultima personale in sospensione, un percorso in cui il soggetto materico demandava la propria gravità agli effetti (metaforico, specchiante e linguistico) di una possibile levatura (A piece of the almost grey sky…, Kaufmann Repetto, Milano 2011), Pae White (Pasadena, 1963) torna nel capoluogo lombardo. Dietro al titolo altero del nuovo percorso, …and then you know what?, l’artista californiana lavora sugli scambi tra luce e materia. In galleria aleggiano quattro grandi arazzi (SS – 1902 01, 02, 03, 04, 2014) composti da cotone, argento, lurex e poliestere; pareti di trama e ordito poste a traghettare la luce dei loro filamenti fino a un piccolo altorilievo a muro, dal titolo Oronitum (gusci d’uovo argentati e su una tavola, 2014). Nella sala adiacente, invece, un’installazione composta da 540 luci colorate al neon (Lucky Charms, 2014) emana la propria vitrea inflorescenza, alternando, all’insegna dell’intrusione di vuoti e pieni scultorei, il buio.

Ginevra Bria

Milano // fino al 15 maggio 2014
Pae White – …and then you know what?
KAUFMANN REPETTO
Via di Porta Tenaglia
02 72094331
[email protected] 
www.kaufmannrepetto.com


CONDIVIDI
Ginevra Bria
Ginevra Bria è critico d’arte e curatore di Isisuf – Istituto Internazionale di Studi sul Futurismo di Milano. E’ specializzata in arte contemporanea latinoamericana. In qualità di giornalista, in Italia, lavora come redattore di Artribune e Alfabeta2. Vive e lavora a Milano.