Gli spazi reconditi di Paolo Radi

Galleria Ferrarin, Legnago – fino al 21 giugno 2014. Una quarantina di opere in materiale sintetico oltre a disegni progettuali e carte simili a palinsesti. Un lavoro fondato sul senso del vuoto, dell’interiorità, del mistero. Spazi limbali, dove le cose stanno sospese in un presagio indefinibile di forma. Prima del visibile o come “ritorno del sepolto”.

Paolo Radi, Disco solare 2011 - cm 117 X 106 perspex e PVC

Sono immagini della “sopravvivenza”, quelle che crea Paolo Radi (Roma, 1966). Non appartengono pienamente né alla vita né alla morte, ma a un genere tanto paradossale quanto quello degli spiriti, che mettono in moto la nostra memoria. “Non voglio fare un quadro, ma esprimere uno spazio”, diceva Fontana. E anche Radi apre spazi interiori, atemporali, sospesi. Solo che non lo fa con un gesto “senza riparo”, ma suggerendo abissi e resurrezioni, ombre e trasparenze, attraverso l’uso di materiali modellabili come il pvc e la pelle-velo del perspex. Per cui non c’è una verità dissimulata, non c’è il segreto. Il segreto è sotto pelle (il segreto e la sua sacertà). È un’intimità simile a quella che si può cogliere dentro un banco di nebbia: la si percepisce, la si intuisce, ma non la si può cogliere mai. Non è una dimensione del tempo passato: è un luogo di “tempo sopravvivente”, un ritorno o un’apparizione del sepolto. Un po’ come accade anche nelle carte che sono stratificate, come scavi archeologici aperti.

Luigi Meneghelli

Legnago // fino al 21 giugno 2014
Paolo Radi – Spazi Latenti
a cura di Francesco Tedeschi
FERRARINARTE
Via De Massari 10
0442 600330
[email protected]
www.ferrarinarte.it


CONDIVIDI
Luigi Meneghelli
Laureato in lettere contemporanee, come critico d'arte ha collaborato e/o collabora a quotidiani (Paese Sera, L'Arena, L'Alto Adige, ecc.) e a riviste di settore (Flash Art, Le Arti News, Work Art in progress, Exibart, ecc.). Ha diretto e/o dirige testate culturali come Veronalive. Come curatore ha collaborato con spazi pubblici, tra cui Mart, Palazzo Forti, Museion e in occasione di mostre personali ha pubblicato saggi su Kantor, Novelli, Turcato, Vedova, Chiari, Fioroni, Boetti, Mambor, Masuyama, Hernandez, ecc. Ha curato mostre tematiche e di gruppo in Italia e all'estero, come La Pop Art Italiana, La Nuova Scuola Romana, L'Arte Povera, La Body Art. Si è interessato di Pubblic Art con esposizioni e dibattiti. E' stato selezionatore per il Triveneto delle nuove emergenze per riviste ed esposizioni. E' stato commissario italiano per la rassegna internazionale “Frontiera 92” (BZ) e commissario alla Biennale di Venezia (’93)… Insegna presso l'Accademia di Belle Arti di Verona.