Bjarne Bare e la Laguna fuori-bordo

Fondazione Bevilacqua La Masa, Venezia – fino al 18 maggio 2014. Una ventata di Norvegia approda in Laguna con la personale di Bjarne Bare a Palazzetto Tito, sede della Fondazione veneziana. Protagonista una fotografia “imbavagliata”, che restituisce un’immagine di Venezia fuori dal solito cliché della bellezza a tutti i costi.

Bjarne Bare, Outboard Swaddle #17, 2014

Se Venezia esce dal confine rassicurante di istantanee-cartolina, il risultato è imprevedibile. La città immortalata da Bjarne Bare (Poznan, 1985), a conclusione di una residenza di tre mesi nell’ambito della collaborazione tra l’Office for Contemporary Art Norway di Oslo e la Fondazione Bevilacqua La Masa, è spigolosa, onirica al limite dell’inquietudine, e, soprattutto, non riconoscibile.
Bare valica il bordo della fotografia celebrativa di una città-gioiello e sceglie di ritrarre una delle presenze più diffuse a Venezia, fuori-bordo per definizione: i motori delle barche. Questi oggetti sono presentati dall’artista come identità “imbavagliate”, coperte da teli e corde, trasformando una banale tecnica anti-usura in un espediente per (s)velare dettagli disincantati e veri di una Venezia non in posa. La medesima volontà si rispecchia negli allestimenti che, senza indugiare nella bellezza formale, ma riservando alcuni preziosi colpi d’occhio, spingono a concentrarsi sul soggetto. Liberando la realtà da qualsiasi bavaglio.

Arianna Testino

Venezia // fino al 18 maggio 2014
Bjarne Bare – Outboard Swaddle (Studies from Venice)
FONDAZIONE BEVILACQUA LA MASA
Dorsoduro 2826
041 5207797
[email protected]
www.bevilacqualamasa.it

CONDIVIDI
Arianna Testino
Arianna Testino è nata nel 1983. Ha studiato storia dell’arte medievale-moderna a Bologna e si è specializzata nelle arti contemporanee a Venezia. Appassionata di scrittura e curatela, è interessata all'approfondimento e all'ideazione di attività artistiche a carattere pubblico e sociale.