Vignettismo concettualista di Giancarlo Neri

Studio Stefania Miscetti, Roma – fino al 3 maggio 2041. Scanzonati quadri fatti di parole nella mostra di Giancarlo Neri in corso nella Capitale. L’artista è più conosciuto come autore di imponenti installazioni ambientali.

Giancarlo Neri - L’eterna speranza del pittore, acrilico su tela, 2013 - photo Pia Lauro

Giancarlo Neri (Napoli, 1955; vive a Roma) presenta un corpus di scanzonati lavori pittorici costruiti a partire dalle parole, con cui propone un vignettismo concettualista incentrato sul calembour e sul tic verbale. La schiettezza è fuori discussione, ed è il buono dell’operazione, ma anche occhio e mente vogliono la loro parte: la scelta della pittura non giova alla causa e i pezzi-boutade non incidono, mentre quelli intellettualistici possono risultare involontariamente comici. Qua e là ci scappa un sorriso di approvazione, ma è giusto “un attimino”, come recita uno dei pezzi più curiosi e a fuoco. Istruttivo che entrando in galleria si venga accolti da fotografie di imponenti installazioni ambientali realizzate in passato, perché al di là delle differenze formali lo spirito gioviale che le caratterizza si dimostra in linea con quello dei quadri presentati stavolta. Godibile e molto ben scritto Vita d’artista, il testo redatto da Neri per l’occasione.

Pericle Guaglianone

Roma // fino al 3 maggio 2014
Giancarlo Neri – Parole parole
STUDIO MISCETTI
Via delle Mantellate 14
06 68805880
[email protected]
www.studiostefaniamiscetti.com

CONDIVIDI
Pericle Guaglianone
Pericle Guaglianone è nato a Roma negli anni ’70. Da bambino riusciva a riconoscere tutte le automobili dalla forma dei fanali accesi la notte. Gli piacevano tanto anche gli atlanti, li studiava ore e ore. Le bandiere erano un’altra sua passione. Ha una laurea in storia dell’arte (versante arte contemporanea) ma è convinto che nessuna immagine sia paragonabile per bellezza a una carta geografica. Da qualche anno scrive appunto di arte contemporanea e ha curato delle mostre. Ha un blog di musica ma è un pretesto per ingrandire copertine di dischi. Appena può si fionda in qualche isola greca. Ne avrà visitate una trentina.