Piero Gilardi: mezzo secolo di politiche creative

Torino, Guido Costa Projects – fino al 28 giugno 2014. Piero Gilardi celebra i suoi oltre cinquant’anni di attività con una nuova personale torinese, dopo l’omaggio reso dal Castello di Rivoli in epoca Bellini. Tra lotta politica, impegno sociale e creatività, il filo sottile della coerenza resta intatto. Al di là delle critiche.

Piero Gilardi, Noi come puzzole, 2013, materiali vari, 300x240 cm, interno

Piero Gilardi (Torino, 1942) torna nella sua città con una mostra densa ma essenziale. Mezzo secolo di ecologia della mente è un tentativo riuscito di portare alla ribalta i nodi creativi di un artista longevo, spesso criticato e frainteso, senza cadere nella facile trappola della retorica. Vestito stato d’animo e Agnelli Morte, i manifesti serigrafati, le Documentazioni di psichiatria alternativa e perfino la discussa installazione Noi come puzzole emergono dalla penombra, rafforzando la coerenza di un’arte da sempre imbevuta di impegno politico-sociale. A cavallo dei decenni, e ricorrendo a tecniche anche molto diverse, frutto di un’evoluzione artistica capace di far tesoro dell’esperienza maturata, Gilardi afferma la necessità, e la messa in pratica, di strategie politico-creative che puntino a una interazione partecipata e consapevole, oltre il muro dell’individualità. Il meccanismo funziona, purché si resti concentrati su ciò che è essenziale. Facendo ecologia, appunto.

Arianna Testino

Torino // fino al 28 giugno 2014
Piero Gilardi – Mezzo secolo di ecologia della mente
GUIDO COSTA PROJECTS
Via Mazzini 24
011 8154113
[email protected]   
http://guidocostaprojects.com

CONDIVIDI
Arianna Testino
Arianna Testino è nata nel 1983. Ha studiato storia dell’arte medievale-moderna a Bologna e si è specializzata nelle arti contemporanee a Venezia. Appassionata di scrittura e curatela, è interessata all'approfondimento e all'ideazione di attività artistiche a carattere pubblico e sociale.