Hai & Hanako: da Jarach, la Venezia che sembra ma non è

Jarach Gallery, Venezia – fino al 29 marzo. Una – anzi: la prima – gondoliera di Venezia, che è poi pure filmmaker. E una giapponese che in realtà è nata a Ponte dell’Olio. Insieme per raccontare la Laguna al chiaro di Luna.

Yamada Hanako & Alex Hai - La Gondoliera - veduta della mostra presso la Jarach Gallery, Venezia 2014

Rappresentazione e auto-rappresentazione, ciò che gli altri percepiscono e vogliono far conoscere di te e quello che tu vuoi raccontare. Questi sono i temi su cui ragionano Alex Hai (Birkenfeld, 1967; vive a Venezia), filmmaker e prima gondoliera a Venezia, e Claudia Rossini aka Yamada Hanako (Ponte dell’Olio, 1986; vive a Venezia), artista emergente attualmente in residenza presso la Fondazione Bevilacqua La Masa. La mostra è una ribellione verso la visione romanzata della vita di Alex, proposta dai media negli ultimi anni. Attraverso fotografie – che con il loro formato cinematografico 16:9 trasportano lo spettatore in una dimensione filmica irreale – si suggerisce un racconto introspettivo sulla figura della gondoliera, portando il visitatore a mettere in discussione la reale esistenza del film. Fondo scenico è una Venezia al chiaro di Luna, onirica e trascendente. L’acqua dei canali specchia la figura sensibile della gondoliera, così come la superficie specchiante della scultura al centro della sala riflette lo spettatore, che si domanda se ciò che vede sia realtà o finzione.

Amalia Nangeroni

Venezia // fino al 29 marzo 2014
La Gondoliera
JARACH GALLERY
Campo San Fantin
041 5221938
[email protected]
www.jarachgallery.com  

CONDIVIDI
Amalia Nangeroni
Amalia Nangeroni, 22 anni, vive a Padova. Laureata in Conservazione e gestione dei beni e delle attività culturali all'Università Ca' Foscari di Venezia nel giugno 2013, ora studia Storia delle arti e conservazione dei beni artistici nell'ateneo veneziano con l'ambizione di poter un giorno diventare curatrice e critica d'arte. Da luglio 2013 scrive per "Inside Art" ed è responsabile dell'ufficio stampa di PDG Arte Communications per nove mostre alla Biennale di Venezia e per "OPEN 16. International Exhibition of Sculptures and Installations"; da settembre inoltre è responsabile dell'ufficio stampa di "TEDxPadova" previsto per marzo 2014. Ha collaborato per due anni con l'ufficio stampa del Carnevale di Venezia grazie al progetto "Ca' Foscari in Maschera" e nel 2012 in occasione dell'America's Cup ha lavorato all'ufficio stampa del comitato organizzatore Vivere Venezia e come inviata per Vodafone news. Tra il 2011 e il 2012 ha scritto per la rivista "VeneziaMusica e dintorni" e collaborato alla creazione di "Artefici" e "Inciso", due riviste nate da un progetto promosso e finanziato da Fondazione di Venezia. Nel 2009 è tra i vincitori del concorso di scrittura indetto dal Consolato provinciale di Padova della Federazione Maestri del Lavoro d'Italia.