Alice Ronchi. La grazia della finitezza

Galleria Francesca Minini, Milano – fino al 15 marzo 2014. L’artista emergente Alice Ronchi regala una personale definita ma impalpabile. Nel mondo delle ultime cose, forme geometriche e superfici sottili disegnano orme di cartone. Tra la certezza della regolarità e la delicatezza di ogni possibile fine.

Alice Ronchi - Colazione sull’erba - veduta della mostra presso la Galleria Francesca Minini, Milano 2014

Alice Ronchi (Ponte dell’Olio, 1989; vive a Milano e Amsterdam) progetta la sua prima mostra personale da Francesca Minini, realizza un percorso metaforico e poi, per sottrazione, ne lascia il segno. Da questi tre momenti, attraverso questi tre passaggi sembra essere nata ed essersi sviluppata Colazione sull’erba. I materiali utilizzati in galleria si dividono tra superfici durevoli e fogli effimeri, tra la sineddoche dell’ombra e l’antonomasia di altezze millenarie. Sagome geometriche, strutture in metallo, ostensori geologici, fotografie di nature industrializzate e formelle in graniglia fanno attraversare al visitatore un paesaggio esposto, una landa accennata, un territorio mnestico che, a mano a mano che ci si addentra, appare in via di condensazione.

Ginevra Bria

Milano // fino al 15 marzo 2014
Alice Ronchi – Colazione sull’erba
FRANCESCA MININI
Via Massimiano 25
02 26924671
[email protected] 
www.francescaminini.it

CONDIVIDI
Ginevra Bria
Ginevra Bria è critico d’arte e curatore di Isisuf – Istituto Internazionale di Studi sul Futurismo di Milano. E’ specializzata in arte contemporanea latinoamericana. In qualità di giornalista, in Italia, lavora come redattore di Artribune e Alfabeta2. Vive e lavora a Milano.
  • Una cara persona diceva che per emergere bisogna buttarsi, ma qui siamo davanti all’ennesimo preparato, calibrato, ordinato e rassicurante artigianato dell’arte contemporanea. Didattico. Certamente elegante, ma anche anemico e un po’ pretenzioso. Il rischio ikea evoluta è altissimo, proprio perchè non esiste una critica che sappia argomentare la differenza tra arte e ikea.

    • Boris T

      sì buttarsi dal quindicesimo piano per camminare sulle nuvole con la bombetta .

      • sarebbe un buon esercizio per l’Alice sì

        • sbor di gnon

          ma perchè poveretta, magari lei è contenta così, si realizza a esporre mattonelle del cesso .

          • Intendevo come capacità di mettersi in pericolo e in gioco. La critica ha il dovere di rilevare luci e ombre, anche se le ombre fanno stare comodi. Se uno si mette a Media World a vendere computer vintage come fossero nuovi, mi sembra umanamente sano rilevarlo e farglielo notare, anche se lui sta bene così…questo esercizio fa il bene di tutti,,,, amen.

          • Boris di Gnon

            il problema è che da mediaworld ci sono effettivamente computer nuovi ma irrimediabilmente vintage dopo pochi mesi, non troverai mai un hp zbook 17 in quel postaccio .