A passeggio tra le parole del Comunismo. In compagnia di Vyacheslav Akhunov

Laura Bulian Gallery, Milano – fino al 22 marzo 2014. Vyacheslav Akhunov fa respirare a pieni polmoni aria di regime sovietico. La parola come ordine schiacciante o espressione schiacciata rivela le due facce del potere.

Vyacheslav Akhunov, ABC. Alphabet. Cultural revolution. #5 Lenin is great, majestic. Lenin is leader, 1975-76 - Courtesy Laura Bulian Gallery

Con l’installazione Breathe Quietly, esposta all’ultima Biennale di Venezia nel Padiglione Asia Centrale, e una serie di collage e disegni, l’artista uzbeko Vyacheslav Akhunov (Och, 1948) ingombra o decora la galleria. Se leggi di regime e slogan comunisti sono l’alfabeto della sua produzione artistica, nella realtà attuale la libertà degli individui che vivono nell’ex blocco sovietico appare ancora limitata (come dimostrano anche le cronache di questi giorni): lo stesso artista non ha potuto presenziare all’inaugurazione di The Red Line, così come a tante altre, poiché impossibilitato a lasciare i confini del proprio Stato.  Il linguaggio scritto ha un ruolo cruciale: non solo in occasione di questa mostra Akhunov divulga alcuni saggi risalenti agli Anni Settanta, ma le frasi recanti slogan di partito diventano un modulo che si ripete fino a diventare elemento di sfondo, illeggibile e insignificante.

Lucia Grassiccia

Milano // fino al 22 marzo 2014
Vyacheslav Akhunov – The Red Line
a cura di Marco Scotini
LAURA BULIAN
Via Montevideo 11
02 48008983
[email protected]  
www.laurabuliangallery.com

CONDIVIDI
Lucia Grassiccia
Lucia Grassiccia è nata a Modica (RG) nel 1986. Dopo una formazione tecnico-linguistica ha studiato presso l’Accademia di belle arti di Catania, dove ha contribuito a fondare e dirigere un webzine sperimentale (www.hzine.it) gestito da un gruppo di allievi dell’accademia. Per hzine ha svolto principalmente attività di giornalista, titolista, editing. Dal 2008 scrive saltuariamente per il quotidiano web locale Nuovascicli Ondaiblea, soprattutto recensioni su libri e mostre. Nel 2010 inizia la collaborazione con Exibart che a breve si sospende e prosegue con la redazione di Artribune. Cura saltuariamente i testi critici per alcune associazioni e gallerie (vedi The White Gallery, Milano). Nel 2013 pubblica il romanzo ebook Elevator (Prospero Editore) e inizia a collaborare occasionalmente con la rivista Look Lateral. Nello stesso anno completa gli studi in arteterapia clinica presso la scuola Lyceum Vitt3. Attualmente vive a Milano.