Ronzii cromatici e minimalismo d’ambiente: l’astrazione di Nelio Sonego

A Arte Invernizzi, Milano – fino al 5 febbraio 2014. È ancora possibile una pittura minimalista nel 2013? Sì, e diventa intervento ambientale con la personale di Nelio Sonego, “Orizzontaleverticale”.

Nelio Sonego, Orizzontaleverticale, 2013 (particolare)

Verticale è il formato, che sembra “sbagliato” per la direzione orizzontale delle traiettorie entranti e uscenti dalla tela, spostamenti di linee che, a metà corsa, un vettore verticale fa guizzare verso l’alto. Il minimalismo come analisi di pochi elementi – linea e colore – è tradito nella sua anima razionale dall’energia dei lavori di Nelio Sonego (Sion, 1955) che rivelano l’“umanità” del gesto pittorico. Ma la gestualità spontanea è a sua volta contraddetta dal millimetrico e concentrato controllo, che replica in posizioni identiche le direttrici cromatiche. Pittura stesa a pennello, ci tiene a sottolineare Sonego, non più vernici spray come nei lavori precedenti (e negli interventi all’aperto di Morterone). La sorpresa celata nell’apparente serialità è sottile ma decisiva: la vibrazione cromatica d’insieme è completamente diversa rispetto alla verifica ravvicinata dei colori costruiti dalla pennellata magra, strisciata sulla tela. Le griglie di linee arcuate dialogano con lo spazio: la scala, i corrimano in tondino metallico, le finestre sovrappongono all’occhio altrettanti intrecci insinuando una sensazione di movimento più incisiva nell’ambiente che nelle singole opere.

Giulia Bombelli

Milano // fino al 5 febbraio 2014
Nelio Sonego – Orizzontaleverticale
A ARTE STUDIO INVERNIZZI
Via Scarlatti 12
02 29402855
[email protected]
www.aarteinvernizzi.it

CONDIVIDI
Giulia Bombelli
Giulia Bombelli (1985, Milano) collabora alla didattica museale del Fondo per l’Ambiente Italiano e della Fondazione Bagatti Valsecchi di Milano. E’ laureata in Storia e Critica dell’Arte all’Università degli Studi di Milano e specializzata in museologia dell’arte contemporanea, arte ambientale e laboratori sulla percezione. Lavora come redattore di Artribune e Orizzonte Universitario. Vive e lavora a Milano.