Nunzio: a Bologna, due mostre in una. A seconda del punto di vista

Galleria de’ Foscherari, Bologna – fino al 14 marzo 2014. Due mostre in una, a seconda del punto di vista adottato. La galleria bolognese espone diversi lavori inediti di Nunzio, tutti realizzati per l’occasione e allestiti dallo stesso artista e dal curatore Giovanni Castagnoli, con una forte attenzione ai materiali.

Nunzio, Senza titolo, 2013, combustione su legno

Entrando nello spazio della Galleria de’ Foscherari si vedono tre grandi opere in legno combusto. Ci accoglie un’installazione che unisce numerosi elementi verticali avvicinati alla parete che sembrano stare in equilibrio precario e hanno uno strano sapore musicale: rimandano ai tasti neri del pianoforte o a piccole note in fila sul pentagramma. Segue una grande opera verticale che, per quanto sottile, occupa tutto lo spazio della stanza in cui è collocata e, infine, chiude un altro esercizio di equilibrismo, questa volta orizzontale, leggero e forte. Se da qui ci si volge indietro verso l’uscita, ecco che appare l’altra mostra di Nunzio (Cagnano Amiterno, 1954), finora rimasta nascosta dietro le pareti, alle nostre spalle. Tre opere in piombo e legno dall’aspetto bidimensionale ma dal fortissimo impatto scultoreo, che riprendono le forme comuni al lavoro di Nunzio e le tracciano attraverso leggeri incavi, concavi e non, nel materiale pesante.

Chiara Pilati

Bologna // fino al 14 marzo 2014
Nunzio
a cura di Giovanni Castagnoli
GALLERIA DE’ FOSCHERARI
Via Castiglione 2b 
051 221308 
[email protected]
www.defoscherari.com