La natura inquietante di Alain Huck

Galleria Marie-Laure Fleisch, Roma – fino al 28 febbraio 2014. C’è anche chi, a questo mondo, si preoccupa per le sorti del pianeta. È il caso dello svizzero Alain Huck, che esordisce in Italia con una mostra preoccupata e preoccupante.

Alain Huck - Tabou - veduta della mostra presso la Galleria Marie-Laure Fleisch, Roma 2014

Alain Huck (Vevey, Svizzera, 1957) è preoccupato – almeno lui – per le sorti del pianeta, alla mercé di politiche energetiche sconsiderate. E nella sua prima personale italiana lo dichiara fermamente, declinando il tema della natura in tre grandi disegni a carboncino, un video e una scultura in alluminio massiccio. L’ambiente che Huck crea è intessuto di molteplici riferimenti culturali (come il libro Walden ovvero vita nei boschi di Thoreau, il cinema di Murnau, episodi della guerra in Vietnam) e capace di attirare lo spettatore in un’atmosfera al tempo stesso sospesa e inquietante ma anche contemplativa, specialmente nel caso del video, che inquadra la tana di un animale all’ombra di un albero. I grandi disegni a tema “vegetale”, invece, chiedono un confronto fisico con lo spettatore – costretto a muoversi dentro e fuori lo spazio idealmente delimitato dalla primitiva capanna di alluminio – e, con i loro infiniti toni di grigio, si fanno triste presagio di una consunzione imminente.

Chiara Ciolfi

Roma // fino al 28 febbraio 2014
Alain Huck – Tabou
MARIE-LAURE FLEISCH
Vicolo Sforza Cesarini 3a
0668891936
[email protected]
www.galleriamlf.com

 

CONDIVIDI
Chiara Ciolfi
Chiara Ciolfi (Roma, 1987) è laureanda in Storia dell’Arte presso l’Università di Roma La Sapienza. Si interessa di arte contemporanea in tutte le sue forme, con un accento particolare sull’editoria e le riviste di settore. Ha collaborato con Exibart dal 2008 al 2011 fino all’avvento dell’ “era Artribune”. Attualmente sta costruendo il suo percorso tra stage e collaborazioni con fondazioni orientate alla ricerca (Nomas Foundation) e gallerie collaudate (Gagosian Gallery), con il sogno di farne un lavoro vero.