Animare la natura. Dieci esempi di videoanimazione a Venezia

Palazzo Mocenigo / Fondazione Bevilacqua La Masa, Venezia – fino al 4 marzo 2014. Dieci artisti, un Carnevale di rilevanza mondiale e il medium della videoanimazione. Distribuita in due sedi lagunari, una mostra affascinante.

Nature animate - Palazzo Mocenigo / Fondazione Bevilacqua La Masa, Venezia 2014

Sembrano piccoli sogni diventati disegno e poi animati. I video di questi dieci artisti, provenienti da diversi Paesi e con formazioni artistiche di varia natura, riescono a incantare spettatori di ogni età. Sembrano pensati per i più piccoli ma nascondono riflessioni che valicano i confini dell’istinto e del gioco per giungere a metafore profonde anche sull’esistenza umana e sul ruolo della natura.

Una breve mostra in due sedi: a Palazzetto Tito, sede della Fondazione Bevilacqua La Masa, e al Museo di Palazzo Mocenigo, del circuito dei Musei Civici veneziani. La prima sempre rivolta alle espressioni della contemporaneità e dei più giovani, il secondo che invece conserva collezioni e arredi della nobiltà veneziana. I video ruotano tutti attorno al tema della natura, condito di fiaba e sogno, arricchito dalla presenza di musiche originali che sottolineano o ritmano i movimenti dei personaggi e le emozioni che accompagnano l’osservatore nella visione questi piccoli capolavori d’animazione.

Chiara Casarin

Venezia // fino al 4 marzo 2014
Nature animate
artisti: Pierre Bourrigault, Michele Bernardi, Rastko Ćirić, Igor Imhoff,Jadwiga Kowalska, Robert Löbel, Joni Männistö, Marina Rosset, Andres Tenusaar, Péter Vácz
PALAZZO MOCENIGO
Santa Croce 1992
FONDAZIONE BEVILACQUA LA MASA – PALAZZETTO TITO
Dorsoduro 2826
041 5207797
[email protected]
www.bevilacqualamasa.it

CONDIVIDI
Chiara Casarin
Chiara Casarin (1975) è curatore indipendente. Ha lavorato dal 2000 al 2003 presso la Fondazione Giorgio e Isa de Chirico di Roma, dal 2006 al 2008 presso la Fondazione Benetton Iniziative Culturali di Treviso, 2009 al 2011 presso la Fondazione Bevilacqua La Masa di Venezia. Nel 2009 ottiene il titolo di dottore di ricerca alla Scuola Studi Avanzati di Venezia con una tesi sulle problematiche dell’autenticità nell’arte contemporanea. Dal 2007 al 2009 è ricercatrice presso l’Ecole des Hautes Etudes di Parigi. Tra le sue più recenti pubblicazioni: Ceci n'est pas l'Auteur. Ovvero: l'opera dell'arte nell'elogio della sua riproducibilità digitale in “Engramma” n. 60, dicembre 2007; Estetiche del Camouflage (a cura di Chiara Casarin e Davide Fornari), ed. Et al., Milano 2010; Las Bodas de Canà en Venecia. Autenticidad de un facsimil in “Revista de Occidente” n. 345 Febbraio 2010, Fundaciòn José Ortega y Gasset, Madrid e BLM 2002>2010 ( a cura di) ed. Mousse Publishing, Milano 2010. Ha curato diverse esposizioni collettive e personali tra cui le più recenti In Equilibrio tra due punti sospesi di Silvano Rubino (Venezia BLM giugno 2010, catalogo Damiani), e Carlo Gajani (Museo Civico Archeologico di Bologna, maggio 2010, catalogo ed. dell'Archiginnasio) con Renato Barilli. Svolge attività di collaborazione alla didattica presso l' Università Ca' Foscari ed è docente di Arte Contemporanea presso lo IED (Istituto Europeo del Design) di Venezia. Dal 2009 collabora con la Soprintendenza B. A. P. di Venezia e Laguna.