Tino Stefanoni o della bellezza dell’ovvio

Galleria Gruppo Credito Valtellinese, Milano – fino all’11 gennaio 2014. Elegante e raffinata la mostra dell’artista lecchese. Che presenta in maniera lineare e con classe i passaggi salienti del proprio percorso artistico.

Tino Stefanoni

Composta in un ambiente unico, stretto e lungo, l’antologica di Tino Stefanoni (Lecco, 1937) riesce ad articolare, con gran senso estetico, in poche e chiare battute, un percorso cronologico suggerito ma non imposto. L’organizzazione dello spazio attraverso una serie di semplici setti restituisce un colpo d’occhio d’insieme dai toni bianchi, neri e crema, per poi aprirsi al colore in piccoli vani con le opere più appariscenti, tenute appositamente schermate così da non interferire con le tinte neutre di alcune chicche presenti in mostra.
Riflessi, Memorie, Apparizioni sono alcuni dei titoli delle opere in mostra che ben incarnano il carattere fortemente evocativo dei lavori di Stefanoni. In alcuni di essi sembrano essere proprio i ricordi a imprimersi sulla tela, come le immagini ottenute con il tratto incerto della carta copiativa o della matita sull’acrilico.
Segnali stradali regolamentari è un’operazione condotta nel 1969-70, antesignana di quella visibile nei cartelli stradali modificati ad arte, presenti in numerose città del mondo. Da questo singolo lavoro hanno preso vita le Piastre guida per la ricerca delle cose: sagome di oggetti, impresse a smalto su lastre di ferro zincato, per orientarsi nella vita quotidiana.
Gli oggetti di uso comune sono presenti in tutta l’opera di Stefanoni, richiamando fortemente gli echi della Pop Art, ma in realtà, per il grado di intimismo lirico che riesce a raggiungere, il suo lavoro si insinua in un filone più prossimo a quello dell’Arte concettuale.

Tino Stefanoni - L’enigma dell’ovvio - veduta della mostra presso la Galleria Gruppo Credito Valtellinese, Milano, 2013 - photo Nino Lo Duca
Tino Stefanoni – L’enigma dell’ovvio – veduta della mostra presso la Galleria Gruppo Credito Valtellinese, Milano, 2013 – photo Nino Lo Duca

Le opere più note dell’artista, quei Senza titolo che elabora dal 1984 in poi, sono presenti in coda al percorso espositivo. Acrilici su tela dalle dimensioni fisse e prodotti sempre con la stessa tecnica pittorica, a partire dal nero dato sul fondo, procedendo via via con la stesura dei colori più chiari, fino ai bianchi tremuli sui volumi più in luce. Sono in prevalenza paesaggi notturni che sembrano crepuscolari anche quando evocano scene diurne, prodotti con una tecnica coloristica inversa a quella dell’acquerello, ma che ne ripropone un analogo sfumato.
La sintesi estetica in bianco/nero degli ultimi anni, racchiusa nel lavoro delle Sinopie, propone la stessa tecnica coloristica applicata alla bicromia: è la campitura bianca a definire il tratto nero che affiora dal fondo. Rafforzano il senso di grande silenzio, che aleggia in maniera costante, alcuni piccoli bronzi in mostra, nei quali si concretizzano, come in piccole maquette, i paesaggi onirici di Stefanoni, caratterizzati dalla totale assenza di esseri umani, ma pieni di oggetti costruiti dall’uomo.

Giovanna Procaccini

Milano // fino all’11 gennaio 2014
Tino Stefanoni – L’enigma dell’ovvio
a cura di Valerio Dehò
CREDITO VALTELLINESE
Corso Magenta 59
02 48008015
[email protected]
www.creval.it

CONDIVIDI
Giovanna Procaccini
Giovanna Procaccini, nata a Napoli, vive a Milano. È laureata in architettura e specializzata in storia dell’arte all’Università degli Studi di Napoli Federico II. È diplomata come addetto alla conservazione e restauro dei dipinti su tela. Critica e curatrice, si occupa d’arte contemporanea in ogni suo aspetto. Ha lavorato come assistente presso la Cardi Galleria d’Arte di Milano e la Galleria Alfonso Artiaco di Napoli. Ha svolto contratti a progetto con il PAN | Palazzo delle Arti Napoli e con la Fondazione Internazionale Studi Superiori di Architettura. Si è occupata di didattica per Progetto Museo e per gli Amici dei Musei - Sezione Giovanile di Napoli. Ha curato mostre di architettura e di artisti emergenti presso spazi pubblici e private gallerie d’arte. È stato consulente tecnico d’ufficio per il Tribunale di Napoli e svolge ruolo di consulente per collezionisti d’arte. Collabora con il tour operator dell’arte Elesta Travel di Milano. Ha collaborato con le piattaforme editoriali Exibart e Zero. Dalla sua fondazione, nel 2011, collabora con Artribune.
  • Pierluigi Albertoni

    O.K. Mostra molto interessante. Un abbraccio