Paladino torna a casa. Da Eduardo Cicelyn

La Casamadre, Napoli – fino al 31 gennaio 2014. Dopo polemiche infinite, botte-e-risposte, una inaugurazione con group show, ecco ora una importante personale nel nuovo “regno” di Eduardo Cicelyn. Siamo andati a vedere cosa Mimmo Paladino ha portato a Casamadre, in quel palazzo che fu di Lucio Amelio.

Mimmo Paladino - veduta della mostra presso Casamadre, Napoli 2013

La mostra di Casamadre presenta alcune opere inedite di Mimmo Paladino (Paduli, 1948) in continuità con le sue ricerche condotte fino a questo momento, nelle quali la pittura si configura come una pratica di visualizzazione della complessità sia dei processi percettivi del reale che delle elaborazioni dell’inconscio, relative a una dimensione estetico-metafisica. Sui disegni e sulle grandi tele è riversata la simultaneità di un procedere che include in un unico campo i diversi linguaggi del pensare dell’artista: le icone, i segni e le sagome attingono a un immaginario iconografico, nel quale le più primitive radici di una storia universale, più che individuale, riaffiorano in superficie mediante un’astrazione gestuale e una figurazione puramente evocativa, legata a tematiche di ordine mitico, magico-sacrale e totemico. Allo stesso modo si compongono anche le sculture in mostra, realizzate dalla proiezione di elementi enigmatici e dallo stratificarsi di momenti creativi, dove la parola e la figura sono estremamente solidale” e “l’arte è allora pittura solidificata, quella che mette in armonia tutti i linguaggi, scrittura, architettura, cinematografia, musica e teatro (Germano Celant).

Rosa Esmeralda Partucci

Napoli // fino al 31 gennaio 2014
Mimmo Paladino
a cura di Eduardo Cicelyn
LA CASAMADRE
Piazza dei Martiri 58
081 19360591
[email protected]
http://www.lacasamadre.it/

CONDIVIDI
Rosa Esmeralda Partucci
È nata ad Avellino nel 1990 e ha frequentato il corso di Laurea Triennale in Archeologia e Storia dell'Arte all'Università degli Studi di Napoli Federico II. Attualmente è in procinto di discutere la tesi in storia dell'arte contemporanea. Ha scritto articoli su testate locali per eventi e mostre organizzate da associazioni (es. Meridies) e altri istituti, quale l'Istituto per la Diffusione delle Scienze Naturali di Napoli. Nel novero dei suoi interessi, oltre all'arte, sono compresi la fotografia, la poesia, la letteratura e il nuoto. Continuerà gli studi magistrali in ambito contemporaneo e museografico.
  • Marcello

    Belle le foto. Chi le ha fatte ?

  • Angelov

    obsoleto, ibrido, trasgressivo dei limiti stessi che si è appena posti, interprete del trend che vorrebbe tutto mischiato e redento, con i giusti imprimatur, da acquistare a scatola chiusa: varrà, varrà sempre di più col passare del tempo …la pena di ricordare che non tutte le ciambelle nascono col buco