L’abbandono al colore di un giovane norvegese

Galleria T293, Napoli – fino al 31 gennaio 2014. Seconda personale della giovane promessa norvegese Henrik Olai Kaarstein promossa dalla galleria partenopea-milanese. Nella sede madre, pitture al di là di realtà e rappresentazione.

Henrik Olai Kaarstein - Mothers - veduta della mostra presso T293, Napoli 2013 - photo Maurizio Esposito

Henrik Olai Kaarstein (Oslo, 1989) sta collezionando un gran numero di presenze nella scena dell’arte contemporanea. Coinvolgente e deciso nel dar vita al colore su supporti normalmente appartenenti alla quotidianità e che, sottratti dal venire a contatto con la pelle, coinvolgono la sfera emozionale, la cui connessione viene istantaneamente attivata attraverso la vista. Proiezioni casuali di una pittura rarefatta, astrazioni soffici assorbite dai tessuti. Riconvertendo il ruolo dei materiali, viene riscritta la loro stessa funzione ultima. Dapprima il corpo umano, fisicamente inteso, era il destinatario finale; lo spazio bianco viene successivamente trasformato e inondato dal colore che a sua volta investe lo sguardo, inglobandolo in una percezione ampliata e totalmente restia a una qualsiasi razionalizzazione. È possibile riscontrare delle immagini, ma rappresentano la realtà di chi e la rappresentazione di cosa?

Arianna Apicella

Napoli // fino al 31 gennaio 2014
Henrik Olai Kaarstein – Mothers
T293
Via Tribunali 293
081 295882
[email protected]
www.t293.it

CONDIVIDI
Arianna Apicella
Arianna Apicella (Salerno, 1993) ha studiato presso il liceo classico Torquato Tasso. Attualmente è iscritta all’Università degli Studi di Napoli l’Orientale dove studia cinese e inglese. Appassionata alla letteratura e alle arti visive, ha sperimentato il disegno fumettistico, l’approccio al palcoscenico e alla scrittura.
  • luca

    mah…