Contemporaneo Rodin

Palazzo Reale, Milano – fino al 26 gennaio 2014. Nella Sala delle Cariatidi c’è buona parte della produzione marmorea di Auguste Rodin. Reinterpretata in chiave contemporanea e sottolineata da un allestimento forse fin troppo scenografico.

Rodin. Il marmo, la vita - veduta della mostra presso Palazzo Reale, Milano 2013 - photo Mario Liguigli

Ci sono gli echi della guerra nella Sala delle Cariatidi del Palazzo Reale di Milano, i segni delle distruzioni, le impalcature in legno e i tubi innocenti ripassati in rosso, ma non è un cantiere in allestimento; al di sotto dei teli bianchi, tesi fra un ponteggio e l’altro a porzionare lo spazio, c’è un tesoro: ben 62 sculture in marmo di Auguste Rodin (Parigi, 1840 – Meudon, 1917).
È l’allestimento che accoglie il visitatore prima ancora delle opere. Queste si svelano quando ci si avvicina e le si osserva al di sotto di una luce diretta, come fossero poste su un banco da lavoro, con una visione che vuole avvicinarsi quanto più possibile a quella degli sbozzatori che le hanno eseguite, alcune presentate insieme al modello in gesso.
Sì perché qui, per la prima volta, è messo in luce l’apporto fondamentale fornito dagli aiuti alla produzione marmorea di Rodin. L’ottimo corredo scientifico che affianca la mostra ben chiarisce questo punto. Il Musée Rodin, che ha prestato la maggior parte delle opere – essendo in parziale ristrutturazione –, sta conducendo un attento studio sui singoli marmi, arrivando a individuare per ciascuno di essi i singoli collaboratori. Questi riportati in cartellino, alla stregua del nome dell’artista, che molto spesso non dà l’ultima mano, aprono uno spaccato di riflessione su di un tema carissimo all’arte del Novecento: la distinzione tra fase ideativa e fase realizzativa nell’opera. Rodin va letto come anticipatore della contemporaneità anche sotto questo aspetto? O ha adattato ai marmi la pratica consueta che si applicava alla realizzazione dei bronzi?

Rodin. Il marmo, la vita - veduta della mostra presso Palazzo Reale, Milano 2013 - photo Mario Liguigli
Rodin. Il marmo, la vita – veduta della mostra presso Palazzo Reale, Milano 2013 – photo Mario Liguigli

Altro soggetto ben analizzato nei contributi critici è la questione del non finito, da non intendersi come un incompiuto. L’emergere della forma levigata dalla materia lasciata sbozzata è descritta con riferimenti michelangioleschi. La vicinanza dei Musei Civici del Castello Sforzesco con la Pietà Rondanini – il cui possesso del biglietto d’ingresso dà diritto a uno sconto – viene ribadita a sottolineare questa ispirazione, che fu reale nell’animo di Rodin. Il piovere di una luce diretta e concentrata dall’alto esalta i chiaroscuri e le ombre del non finito, dando morbidezza alla resa marmorea della carne.
In mostra c’è anche Le Baiser, una delle opere simbolo di Rodin, ma posta com’è di spalle all’ingresso e incastrata fra tubi innocenti, senza poterla cogliere nella sua monumentalità data la visione ravvicinata, chissà se sarebbe piaciuta a Rodin, seppur così contemporaneo…

Giovanna Procaccini

Milano // fino al 26 gennaio 2014
Rodin. Il marmo, la vita
a cura di Aline Magnien in collaborazione con Flavio Arensi
PALAZZO REALE
Piazza del Duomo 12
199 151114
www.mostrarodin.it

CONDIVIDI
Giovanna Procaccini
Giovanna Procaccini, napoletana, si laurea in architettura e si specializza in storia dell’arte all’Università degli Studi di Napoli Federico II. Si diploma come addetto alla conservazione e restauro dei dipinti su tela. Critica e curatrice, si occupa d’arte contemporanea in ogni suo aspetto. Ha lavorato come assistente presso la Cardi Galleria d’Arte di Milano e la Galleria Alfonso Artiaco di Napoli. Ha svolto contratti a progetto con il PAN | Palazzo delle Arti Napoli e con la Fondazione Internazionale Studi Superiori di Architettura. Si è occupata di didattica per Progetto Museo e per gli Amici dei Musei – Sez. Giovanile Napoli. Ha curato mostre di architettura e di artisti emergenti presso spazi pubblici e private gallerie d’arte. È consulente tecnico d’ufficio per il Tribunale di Napoli e svolge ruolo di consulente per alcuni collezionisti d’arte. Dalla sua fondazione, nel 2011, collabora con Artribune. Precedentemente, dal 2005, ha collaborato con le piattaforme editoriali Exibart e Zero.
  • Renzo M

    Credo sia la mostra più bella che ho visto a Palazzo Reale negli ultimi anni. Sono andato prevenuto pensando fosse la solita mostra che si risolve nel titolo e sono rimasto dentro due ore. Felicemente sorpreso

  • Giuseppe

    E’ piaciuta anche a me, sia come pezzi, che come allestimento.
    Intelligente l’ idea del museo francese in restauro di prestare / parcheggiare a MI quei pezzi.
    Molto ben fatti i nudi femminili con i glutei in notevole evidenza.
    Notevole afflusso di persone.
    Possibilità di poter scattare foto.

    I volti del 900 è una mostra sotto tono e poco comprensibile nel suo assieme.
    Bella quella di Warhol.

    • Flavio Arensi

      Il Musée Rodin non ha affatto prestato i pezzi perchè in restauro. I prestiti sono stati concessi a fronte di un impegno scientifico di studio concordato ormai tre anni fa. Attualmente il museo ha chiuso una parte delle sue sale, ma la cosa è indipendente dalla mostra. Non capisco da dove sia partita la notizia chiusura=prestito, che non ha alcun senso. Questa non è una mostra pacchetto che il museo ha smerciato, ma una mostra costruita ragionando su un nuovo concetto di studio dei marmi. Questo per correttezza. Flavio Arensi.