Arcangelo. Alla ricerca della terra perduta

Marcorossi Artecontemporanea, Verona – fino al 22 dicembre 2013. Trent’anni fra carte, tele, cere, bronzi. Evocando qualcosa che tormenta in fondo all’anima. E che Arcangelo ha continuato a far generare e a far venire alla luce, come echi favolistici ed emblemi arcani.

Arcangelo, Paesaggio verde,1989, tecnica mista su tela, 96x119 cm

Da sempre Arcangelo (Avellino, 1956) mette in scena immagini d’abbandono: esseri dell’ombra e nell’ombra, affioramenti di presenze in dissolvenza. Già dai primi lavori (quelli di Terra mia degli Anni Ottanta, da cui prende avvio la mostra), il suo è stato un letterale calarsi entro la materia e le sue energie, ma non per coglierne la pienezza, quanto l’indistinto, l’essere memoria e forma indefinitamente possibile, mutante. Non ha mai preteso di dipingere metafore o intelligenze narrative, di annotare geografie, ma solo di registrare stati di sensibilità, primavere visionarie del mondo. Neppure i viaggi in Africa o in Giappone hanno portato Arcangelo lontano. Sono nati i cicli delle Stanze dei Dogon, delle Stanze africane, delle Stanze dei misteri e i toni cupi dell’origine si sono fatti accaldati, ma le figure sono rimaste ombre spettrali, incubi febbrili. Forme senza forma, pitture praticate come inondazioni o roghi. E anche quando le dita dell’artista sono passate dall’idea del toccare e contaminare terre e colori a quella di concretare testine o bisce (in cera e in bronzo), al nostro sguardo si sono offerti solo relitti d’immagine, come se tempi antichissimi avessero spolpato ogni compiutezza. Ma è proprio così che Arcangelo ha colto il destino estetico allo stato primario, alludendo alla forma che ha toccato il suo apice e sta facendo ritorno alla materia. Al mitico Sannio.

Luigi Meneghelli

Verona // fino al 22 dicembre 2013
ArcangeloDa terra mia. Opere 1983-2012
Catalogo Carlo Cambi
MARCOROSSI
Via Garibaldi 18a
045 597753
[email protected]
www.marcorossiartecontemporanea.com

CONDIVIDI
Luigi Meneghelli
Laureato in lettere contemporanee, come critico d'arte ha collaborato e/o collabora a quotidiani (Paese Sera, L'Arena, L'Alto Adige, ecc.) e a riviste di settore (Flash Art, Le Arti News, Work Art in progress, Exibart, ecc.). Ha diretto e/o dirige testate culturali come Veronalive. Come curatore ha collaborato con spazi pubblici, tra cui Mart, Palazzo Forti, Museion e in occasione di mostre personali ha pubblicato saggi su Kantor, Novelli, Turcato, Vedova, Chiari, Fioroni, Boetti, Mambor, Masuyama, Hernandez, ecc. Ha curato mostre tematiche e di gruppo in Italia e all'estero, come La Pop Art Italiana, La Nuova Scuola Romana, L'Arte Povera, La Body Art. Si è interessato di Pubblic Art con esposizioni e dibattiti. E' stato selezionatore per il Triveneto delle nuove emergenze per riviste ed esposizioni. E' stato commissario italiano per la rassegna internazionale “Frontiera 92” (BZ) e commissario alla Biennale di Venezia (’93)… Insegna presso l'Accademia di Belle Arti di Verona.