Adrian Paci al PAC. Raccontando sogni di mare

PAC, Milano – fino al 6 gennaio 2014. Non ci si può bagnare due volte nello stesso fiume, sosteneva il filosofo Eraclito. Eppure la precarietà delle cose e la necessità dei mutamenti sono temi ancora oggi molto sentiti. Ne sa qualcosa Adrian Paci, in mostra a Milano.

Adrian Paci, The Column, 2013

Più che a una mostra d’arte, sembra di visitare una rassegna di antropologia. Con un lavoro quasi da scienziato, Adrian Paci (Scutari, 1969) colleziona e documenta le vicende di un’umanità fragile, alle prese con i problemi dell’esilio forzato e delle migrazioni per mare, sospesa fra il doversi arrabattare per soddisfare i propri bisogni primari e la sconfortante consapevolezza, per dirla alla De André, della propria distanza dalle stelle.
Edulcorate dalla poesia, le storie sue e dei suoi connazionali albanesi cambiano registro perdendo tragicità in favore di un’ironia amara, riversata magnificamente in cortometraggi formalmente accurati e impreziositi da una fotografia da cineteca. Potrebbero sembrare dei frammenti di un lavoro di Emir Kusturica, ma poi messi insieme questi piccoli film formano un catalogo per riconoscere il dolore, la paura ma anche la forza di un popolo costretto a lasciarsi la propria casa alle spalle. O addirittura sulle spalle, come giocosamente lo stesso Paci ci fece notare una dozzina di anni fa con la famosa scultura Home to go, una statua che ritraeva l’artista chino ed incerto per il  carico pesante di un tetto di tegole adagiato sulla schiena.

Da allora Paci non ha perso altra strada e, mescolando il reale con il poetico, ha scelto di privilegiare nei suoi lavori metafore e chiavi di lettura immediate: è il caso del video The column, dove viene raccontata l’incredibile storia di un blocco di marmo estratto in Oriente e partito in viaggio verso chissà dove, trasformato da un quartetto di operai cinesi durante la navigazione in una vera e propria colonna corinzia, potente simbolo della cultura d’Occidente e dunque della trasformazione del mondo – ormai slegato dalle logiche da guerra fredda – in un mercato globale, indifferente verso le genti, guidato solo dal timone del profitto. La conclusione è la stessa anche per lo struggente Electric Blue, testimonianza filmata di un padre albanese di fine Novecento costretto a reinventarsi il lavoro di montatore video per cercare fortuna nella nascente industria del porno.

Adrian Paci – Vite in transito - veduta della mostra presso il PAC, Milano 2013
Adrian Paci – Vite in transito – veduta della mostra presso il PAC, Milano 2013

L’incertezza e lo spaesamento per un destino sempre da riconquistare è un tema importante e non viene taciuto nemmeno nei disegni e nei piccoli quadri disseminati in due sale del PAC, dove l’artista albanese tira fuori l’ex studente dell’Accademia di Belle Arti di Tirana e con grande padronanza  e maestria ritrae uomini, donne, piante e animali a volte confondendone volutamente i tratti, quasi fossero immagini catturate da una lente sfocata. Altre volte ne evidenzia il vuoto interiore, sempre all’erta, in attesa di essere riempito da chissà quale futuro.

Max Mutarelli

Milano // fino al 6 gennaio 2014
Adrian Paci – Vite in transito
a cura di Paola Nicolin e Alessandro Rabottini
PAC
Via Palestro 14
02 88446359
[email protected]

www.pacmilano.it

CONDIVIDI
Max Mutarelli
Massimiano Mutarelli nasce nella primavera del 1977 a Lambrate, quartiere storico di Milano. A vent’anni, con l’iscrizione all’Accademia di Brera, corona il sogno di poter entrare nel magico mondo dell’Arte. In realtà è un periodo turbolento, sospeso fra gli esami ed i primi lavori da redattore, di giorno, e di barista, la notte, ma nonostante tutto riesce a prendere quelle poche gocce di splendore che l’accademia riesce a regalare: grazie ad Alberto Garutti ed a Francesco Poli affina le proprie conoscenze intorno al cruciale mondo dell’arte contemporanea, mentre continua a scrivere per alcune testate sul web. Laureatosi in Arti Visive con una tesi sul rapporto fra politica e fascismo, dopo un master in pedagogia dell’arte sta cercando di concludere il suo percorso di studi specializzandosi in Discipline artistiche ed archeologiche presso l’Università di Verona, sempre alternando i libri alle docenze occasionali in vari master universitari, alle collaborazioni con riviste ed alla gestione di un noto pub all’avanguardia