Nelle fotografie di Stefano Cerio. La desolazione cinese

Noire Gallery, Torino – fino al 30 novembre 2013. I parchi acquatici in Cina sono vuoti. Dove sono finiti tutti? In “Chinese Fun” Stefano Cerio ha riassunto i suoi 25 giorni trascorsi nello stato asiatico, immortalando un’inedita assenza. Quella dei luoghi di divertimento di massa nel momento in cui non vengono fruiti.

Stefano Cerio - Chinese Fun - veduta della mostra presso la Noire Gallery, Torino 2013

Sembra quasi una missione, o una piacevole ossessione, quella di Stefano Cerio (Roma, 1963; vive a Roma e Parigi), che lo vede impegnato da anni a raccontare la banalità di un luogo eccezionale. Tale solo nel momento in cui è vissuto per la funzione a cui è stato destinato: il divertimento. Cerio, con l’occhio allenato dell’ex ritrattista di moda, lo spoglia, ne cattura il lato grottesco e anche un po’ malinconico e lo fa con le armi della fotografia analogica. Se prima l’oggetto della sua ricerca erano gli impianti di risalita e le navi da crociera, ripresi nell’immobilità della notte, ora è un intero Paese: la Cina. Dove il concetto di massa perde la sua ragione di esistere quando a essere immortalata è la totale assenza di persone proprio nei luoghi maggiormente destinati ad accoglierle: i parchi acquatici, un centro residenziale a Hong Kong. Desolatamente vuoti. Come a sottolineare una realtà invisibile, che invece esiste. E aspetta di essere colta.

Claudia Giraud

Torino // fino al 30 novembre 2013
Stefano Cerio – Chinese Fun
NOIRE GALLERY
Via Piossasco 29
349 8319532
[email protected]
www.noiregallery.com

CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è responsabile dell'area Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica musicale "Art Music". E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).