Il fascino dell’ombra per Antonio Marchetti Lamera

Ten Art Gallery, Milano – fino al 15 novembre. Vulnerabile ma costante, intangibile eppure presente: il concetto di “ombra” da sempre si presta a interpretazioni e fascinazioni. Lo sa bene Antonio Marchetti Lamera, che da Ten Art Gallery espone gli ultimi risultati di una ricerca artistica che dura da anni.

Antonio Marchetti Lamera, Urban shadow 70, 2012

Scegliere di dedicare un’intera ricerca pittorica al tema dell’ombra, come ha fatto Antonio Marchetti Lamera (Torre Pallavicina, 1964), significa sondare un fenomeno razionale di natura fisico-scientifica intriso di molteplici valenze filosofiche e letterarie. Sottili strati di colore più scuro, metallico, affiorano gradualmente sulle superfici cangianti delle tele, a volte creando sequenze, altre delle presenze solitarie velatamente ieratiche. Forme indefinite, testimonianze di un’esistenza terrena, non meglio identificata: che siano propaggini effimere di solidi elementi urbani (come realmente sono) lo si intuisce appena. Ma Marchetti Lamera segue le ombre nel loro processo di allontanamento dal mondo reale, perché non è nel loro legame col dato fenomenologico che svelano la loro essenza più lirica, bensì nella loro malinconica fugacità. “Ultima sostanza della molteplicità delle cose”, come la definirebbe Italo Calvino.

Serena Vanzaghi

Milano // fino al 15 novembre 2013
Antonio Marchetti Lamera – Raggi d’ombra
a cura di Angela Madesani
TEN ART GALLERY
Via Giovannino De Grassi 17
02 48007293
[email protected]
www.tenartgallery.com

CONDIVIDI
Serena Vanzaghi
Serena Vanzaghi (Milano, 1984) è laureata in Storia dell'arte con una specializzazione incentrata sulla promozione e l'organizzazione per l'arte contemporanea. Dal 2011 si occupa di comunicazione e progettazione in ambito culturale ed editoriale.