Giacomo Costa: manipolazione e trasformazione fotografica

SmART, Roma – fino al 28 novembre 2013. L’artista fiorentino inaugura gli spazi della galleria nel cuore della Capitale. Accanto ai catastrofici paesaggi urbani e naturali, ormai cavalli di battaglia di Giacomo Costa, dissacranti autoritratti alla Cindy Sherman esplorano ruoli e convenzioni sociali.

Giacomo Costa - Visioni apocrife - veduta della mostra presso SmART, Roma 2013

Le immagini di Giacomo Costa (Firenze, 1970) potrebbero tranquillamente essere scenografie di un film americano post-apocalittico, nel delineare mondi oscuri e desolati dove l’uomo è assente fisicamente, ma onnipresente come agente distruttivo. Tecnicamente ineccepibili, sorretti da impalcature alla Yona Friedman e labirintici come carceri di Piranesi, questi ibridi di fotografia, architettura e science fiction diventano “pura” pittura digitale, visioni caleidoscopiche di equilibri ambientali irrimediabilmente alterati. In mostra anche una serie di ironici autoritratti inediti, nei quali l’esplorazione di un vasto campionario di stereotipi sociali, sommato all’uso del travestimento e al ricorso a immagini tratte da immaginari mediatici comuni, stempera cupi presagi catastrofici e suggerisce un percorso di ricerca che analizza da più punti di vista concettuali – etici e satirici – la manipolazione e la trasformazione nella rappresentazione fotografica.

Marta Veltri

Roma // fino al 28 novembre
Giacomo Costa – Visioni Apocrife
SMART
Piazza Crati 6/7
06 64781676
[email protected]   
http://www.smartroma.org/

CONDIVIDI
Marta Veltri
Marta Veltri (Cosenza, 1983) si è laureata in architettura a Roma con una tesi sull'allestimento museale delle Terme di Caracalla. Subito dopo ha fatto parte del team che ha dato alla luce UNIRE, progetto vincitore dell'ultimo YAP (Young Architects Programs) MAXXI, sempre a Roma. Ha collaborato con studi d'architettura italiani e stranieri, approfondendo il complesso rapporto tra architettura, design, arte e fotografia. Negli ultimi tempi si è avvicinata al mondo della comunicazione in ambito artistico e culturale. Dal 2012 scrive per Artribune.