Fulvio di Piazza al Cubo. Tra natura antropomorfa e vulcanologia

Cubo, Bologna – fino al 6 gennaio 2014. Balene geneticamente modificate, intere foreste che assumono foggia umana. Una esplosione vulcanica di colori per la personale di Fulvio Di Piazza nello spazio di Unipol.

Fulvio Di Piazza, Abissale, 2011

Una mostra è chiaramente l’esposizione di un nucleo di opere; in alcuni casi diventa luogo di ricerca su teorie interne ed esterne all’arte, qui alla pittura. Perché affidare un testo in catalogo a un vulcanologo? Con Nube ardente Fulvio Di Piazza (Siracusa, 1969; vive a Palermo) prosegue il percorso iniziato con La terra trema nel 2011, sondando attraverso visioni subconscie scenari naturali catastrofici. Allora si fa necessario l’apporto di Romano Camassi (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia): “La forza vitale che muove in profondità […] emerge in superficie, esattamente sotto l’erba che calpestiamo”, e il pittore è in grado di restituirla.

L’antropomorfismo nella natura, i paesaggi egregiamente descritti che erano caratteristiche peculiari dell’artista siciliano si prestano alla denuncia. In fondo queste visioni cariche di cattivi presagi, angoscianti (rifinite con qualità fiamminga) non sono che lo spettro di una rivincita delle forze primordiali.

Claudio Musso

Bologna // fino al 6 gennaio 2014
Fulvio Di Piazza – Nube ardente
a cura di Angela Memola
con il contributo critico di Alberto Zanchetta
CUBO
Porta Europa
051 5076060
[email protected]
www.cubounipol.it

CONDIVIDI
Claudio Musso
Critico d'arte e curatore indipendente. La sua attività curatoriale e di ricerca pone particolare attenzione al rapporto tra arte visiva, linguaggio e comunicazione, all'arte urbana e alle nuove tecnologie nel panorama artistico. Attualmente è Dottorando presso il Dipartimento delle Arti Visive dell'Università di Bologna, dove ha precedentemente conseguito la laurea specialistica in Storia dell'Arte. Collabora con il MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna per la ricerca scientifica e per l'organizzazione di conferenze e incontri. Dal 2004 al 2011 è stato collaboratore di Exibart.com e Exibart.onpaper, dove dal 2008 dirigeva la rubrica visualia. Scrive per Artribune e Digicult. Di recente ha curato la sezione Urban Art Media Drifts del LPM - Live Performers Meeting (Roma - Minsk). Nel 2010 è stato invitato come lecturer alla AVANCA | CINEMA International Conference Cinema– Art, Technology, Communication (Avanca, Portogallo) e alla VIII MAGIS – International Film Studies Spring School (Gorizia, Italia).