Come ti aggiusto il Ponte Rotto. Ana Rewakowitz a Roma

Istituto Polacco, Roma – fino al 17 gennaio 2014. Ana Rewakowitz propone di ripristinare per qualche tempo l’integrità strutturale del più antico ponte sul Tevere in muratura. Un miraggio che probabilmente ogni romano ha avuto almeno una volta nella vita.

Ana Rewakowitz, Ponte Rotto, 2013

Del cosiddetto Ponte Rotto (in realtà Ponte Emilio, risalente al II o addirittura al III secolo a.C.) è rimasta in piedi solo la campata centrale. Fu il primo ponte sul Tevere in muratura; ora è un po’ un oggetto misterioso situato nel cuore dell’Urbe. Ana Rewakowitz (Varsavia, 1966; vive a Montréal) propone di ripristinarne per qualche tempo l’integrità strutturale, con l’aggiunta di due archi in materiale biodegradabile. La valorizzazione del rudere isolato nell’acqua muove da prerogative che attengono alla poetica del ready made, ma la visione artistico-urbanistica ha anche una sua carica utopista in senso civico. Se realizzato, l’intervento avrebbe un impatto emozionale enorme, tale da rendere impossibile non pensare a un recupero permanente, da effettuarsi in tempi ragionevolmente brevi. In mostra all’Istituto Polacco c’è tutto ciò che serve per immergersi in un miraggio che probabilmente ogni romano ha avuto almeno una volta nella vita.

Pericle Guaglianone

Roma // fino al 17 gennaio 2014
Ana Rewakowitz – Ponte Rotto
ISTITUTO POLACCO
Via Vittoria Colonna 1
06 39378024

[email protected]
www.monitoronline.org

CONDIVIDI
Pericle Guaglianone
Pericle Guaglianone è nato a Roma negli anni ’70. Da bambino riusciva a riconoscere tutte le automobili dalla forma dei fanali accesi la notte. Gli piacevano tanto anche gli atlanti, li studiava ore e ore. Le bandiere erano un’altra sua passione. Ha una laurea in storia dell’arte (versante arte contemporanea) ma è convinto che nessuna immagine sia paragonabile per bellezza a una carta geografica. Da qualche anno scrive appunto di arte contemporanea e ha curato delle mostre. Ha un blog di musica ma è un pretesto per ingrandire copertine di dischi. Appena può si fionda in qualche isola greca. Ne avrà visitate una trentina.