A me gli occhi. Diego Marcon da Gasconade

Gasconade, Milano – fino al 7 dicembre 2013. Vetrine oscurate nello spazio meneghino, per permettere al video sfrigolante in super8 di Diego Marcon di abbacinare lo spettatore. Eppure la sua personale è “Pour vos beaux yeux”…

Diego Marcon, Pour vos beaux yeux, 2013 - film Super8 bianco e nero positivo sviluppato a mano e trasferito in digitale, colore, senza sonoro, 8’ 39’’ in loop

La vista si abitua al buio, gradualmente distingue le forme nell’oscurità. Accade il contrario con l’eccesso di luminosità: si è abbagliati, l’accecamento diviene totale. Solo allora la visione si sostituisce alla vista. È quanto accade nel lavoro realizzato da Diego Marcon (Busto Arsizio, 1985; vive a Parigi), che ha filmato le nuvole. Bianco su bianco, si cerca di scorgerne le forme che scorrono silenziose, mentre l’allestimento – solo una struttura in policarbonato sospesa e l’occhio del proiettore che ti osserva entrare – rende plastico ciò che di scultoreo non ha nulla. La nuvola e il video. I volumi si impressionano sulla retina, che diviene nuova pellicola, ne rimangono i contorni anche quando sullo schermo non ci sono già più. Ma torneranno, in loop. Fanno male gli occhi, ma non si riesce a smettere di guardare.

Marta Cereda

Milano // fino al 7 dicembre 2013
Diego Marcon – Pour vos beaux yeux
GASCONADE
Piazzale Lavater 2
[email protected]
www.gasconade.it

CONDIVIDI
Marta Cereda
Marta Cereda (Busto Arsizio, 1986) è critica d’arte e curatrice. Dopo aver approfondito la gestione reticolare internazionale di musei regionali tra Stati Uniti e Francia, ha collaborato con musei, case d’asta e associazioni culturali milanesi. Dal 2011 scrive per Artribune.