Vanni Cuoghi: giochi cortesi ma non troppo

Un percorso ideato appositamente per la città di Crema presenta, fino al 13 ottobre, la nuova produzione di Vanni Cuoghi. Un progetto curato da Area B di Milano, comprensivo di performance con il compositore Matteo Ramon Arevalos e asta benefica presso il Teatro San Domenico, con appuntamento il 28 settembre.

Vanni Cuoghi, Il dono del Grande Cervo, 2012, acquerello su carta, 75x110 cm

Vanni Cuoghi (Genova, 1966) non teme il confronto con la storia. Le opere realizzate per il Museo Civico di Crema, ispirate alla vita di corte rinascimentale, dialogano con i reperti archeologici in una rinnovata iconografia che contamina l’immaginario dell’artista con le memorie del luogo, e il risultato finale è più profondo di quel gioco (aion) che dà il titolo alla mostra. L’ironia di Cuoghi è tagliente quando le dame cortesi decapitano i loro pretendenti e accondiscendente quando le vergini seducono i cavalieri avvolgendoli con la lunga treccia dei capelli, mentre la curva che il loro corpo disegna è la stessa che anima il labirinto della quinta scenica. La donna è movimento e vita, dolce come la Beatrice di Dante e crudele come Uma Thurman nei film di Tarantino. Nelle opere di Cuoghi convivono con intelligenza classico e barocco, razionalismo e spettacolarità, rinascimento e packaging, la cultura della storia dell’arte e dello schermo cinematografico.

Deianira Amico

Crema // fino al 13 ottobre 2013
Vanni Cuoghi – Aion
MUSEO CIVICO
Piazzetta Winifred Terni De Gregorj 5
02 58316316
info@areab.org
www.areab.org

CONDIVIDI
Deianira Amico
Deianira Amico (Milano, 1987), storico dell'arte, si è laureata all'Università degli Studi di Milano. E' membro del comitato scientifico dell'Associazione Amici di Piero Gauli di cui segue la curatela di diverse iniziative; lavora nel settore della gestione delle gallerie d'arte contemporanea e l'organizzazione di eventi. Scrive per Artribune, Espoarte Magazine, Inside Art.