Irlanda: dove l’arte indaga gli enigmi

Cinque artisti irlandesi narrano la storia e la leggenda della loro terra. Andando al di là dell’evidenza, per cogliere quell’invisibile interiorità che ogni vita comporta. Un viaggio teso tra sogni, ambiguità, problemi. Presso la Galleria Civica di Modena fino al 15 settembre.

Mark Garry, Drift, 2012, performance e film di Mark Garry e Sean Carpio - Courtesy l'artista e Kerlin Gallery, Dublino

Drift (2012) è il video di Mark Garry (Mulligar, 1972; vive a Dublino) che apre la mostra Island. Una barca a vela scivola sulle acque vicino alla piccola isola di Sherkin. Sembra abbandonata e si muove sullo sfondo di uno scenario notturno. Solo che l’artista trasforma la barca in una specie di arpa eolica, che suona all’azione del vento. Pare la turbata metafora di ciò che è l’Irlanda oggi: cioè una terra di miti e magie, di tradizione e natura incontaminata, ma anche un Paese che ha una storia complessa, fatta di invasioni, emigrazioni, tensioni sociali. Vive un senso profondo del luogo e dell’identità, ma contemporaneamente è instabile intorno ai suoi confini, inquieta nel suo cuore, incerta nel suo destino. Ebbene, i cinque artisti presenti sembrano porre al centro della loro attenzione proprio questo incrocio tra quotidiano e straordinario, tra realtà ed enigma.

Dorothy Cross, Udder Chair, 2005 - Courtesy l'artista e Kerlin Gallery, Dublino
Dorothy Cross, Udder Chair, 2005 – Courtesy l’artista e Kerlin Gallery, Dublino

Nelle foto di Martin Healy (Londra, 1967; vive a Dublino) si riconosce direttamente l’impatto della crisi economica sul paesaggio e sulla popolazione. I suoi sono invariabilmente spazi vuoti, edifici fatiscenti, strade desolate. Fata Morgana (2010) è un’opera al neon che cita una città che non c’è. The Last Man (2011) è un video che descrive un solitario uomo delle pulizie che riordina sale d’attesa deserte, tra gesti inutili e senso di abbandono. Più accostata alle antiche leggende è Dorothy Cross (Cork, 1956; vive a Connemara), ma per mettere in discussione le categorie dei generi e delle identità sessuali nella società contemporanea. Niamh O’Malley (Co Mayo, 1975; vive a Dublino) affronta il tema della visibilità, usando materiali riflettenti e vetri trasparenti, che suscitano continui inganni percettivi. Come fa anche il video Island, che interrompe le panoramiche con lunghe schermate nere. Visione e sospensione, immagine e sua interruzione. Un po’ come nella pittura di Damien Flood (Dublino 1979), che adopera la “tattica dell’incompiutezza”, fondendo elementi figurativi e astratti, riconoscibilità e dissoluzione.
Così, tutti gli artisti, pur nella diversità dei linguaggi, danno l’impressione di muoversi al limite del mistero e della congettura, di raffigurare il fenomenico e di alludere al trascendente.

Luigi Meneghelli

Modena // fino al 15 settembre 2013
Island
a cura di Fiona Kearney
GALLERIA CIVICA
Corso Cavour 2
059 2032911
[email protected]
http://www.galleriacivicamodena.it

CONDIVIDI
Luigi Meneghelli
Laureato in lettere contemporanee, come critico d'arte ha collaborato e/o collabora a quotidiani (Paese Sera, L'Arena, L'Alto Adige, ecc.) e a riviste di settore (Flash Art, Le Arti News, Work Art in progress, Exibart, ecc.). Ha diretto e/o dirige testate culturali come Veronalive. Come curatore ha collaborato con spazi pubblici, tra cui Mart, Palazzo Forti, Museion e in occasione di mostre personali ha pubblicato saggi su Kantor, Novelli, Turcato, Vedova, Chiari, Fioroni, Boetti, Mambor, Masuyama, Hernandez, ecc. Ha curato mostre tematiche e di gruppo in Italia e all'estero, come La Pop Art Italiana, La Nuova Scuola Romana, L'Arte Povera, La Body Art. Si è interessato di Pubblic Art con esposizioni e dibattiti. E' stato selezionatore per il Triveneto delle nuove emergenze per riviste ed esposizioni. E' stato commissario italiano per la rassegna internazionale “Frontiera 92” (BZ) e commissario alla Biennale di Venezia (’93)… Insegna presso l'Accademia di Belle Arti di Verona.
  • franco

    ottima iniziativa!

  • L’articolo con il suo testo mi ha fatto conoscere con meraviglia una realtà artistica irlandese a me sconosciuta.