Dennis Hopper: l’arte e il mito americano on the road

Il Museo Picasso di Málaga offre fino al 29 settembre un’interessante sezione espositiva dedicata a Dennis Hopper e al suo eclettismo. Dal suo estro cinematografico al collezionismo artistico, in nome del nomadismo e della capacità di raggiungere i confini più prolifici della scena americana.

Dennis Hopper. En el camino - veduta della mostra presso il Museo Picasso, Malaga 2013

Dennis Hopper si interessa di arte visiva e teatro sin da giovane, ma presto giunge alla conclusione che le arti non si respingono, anzi, secondo una legge fisica interna a questo mondo, la combinatoria e le contaminazioni sono reazioni naturali e feconde. Ecco che gli Anni Sessanta e la scena americana gli porgono il soggetto privilegiato del suo obiettivo fotografico: strade, subculture, città, spazi abitati e sconosciuti; gli emergenti modelli occidentali. Aggiunge presto all’obiettivo il cinema: è regista di un film cult come Easy Rider, o ancora attore in film come Apocalipse Now. Spazia con audacia, dedicandosi anche al collezionismo, all’arte.
La mostra, infatti, esibisce i numerosi aspetti della sua produttività e dei contatti con star, artisti e miti americani. Delle 141 fotografie in bianco e nero, scattate nei Sessanta, non si possono non citare gli scatti ad artisti come Robert Rauschenberg, Ed Ruscha, Roy Lichtenstein, Claes Oldenburg, Niki de Saint Phalle, fino ai ritratti reciproci con Andy Warhol, di cui sono esposti i tre screen tests che quest’ultimo gli fece nel 1964; foto di attrici come Jane Fonda; strade e nuove geografie umane.

Dennis Hopper. En el camino - veduta della mostra presso il Museo Picasso, Malaga 2013
Dennis Hopper. En el camino – veduta della mostra presso il Museo Picasso, Malaga 2013

Inoltre, grazie alla collaborazione con la Cinémathèque Française e con il The Dennis Hopper Art Trust, sono proiettati estratti tratti dai film realizzati o a cui ha partecipato come attore, oppure si possono osservare storiche  locandine cinematografiche, cd e copertine di album tributo dell’epoca ribelle americana.
A completare la mostra, infine, compaiono alcuni pezzi della sua produzione plastica e altre della sua collezione, entrambe legate alla Pop Art americana.

Sonia D’Alto

Málaga // fino al 29 settembre 2013
Dennis Hopper. En el camino
MUSEO PICASSO
Calle San Agustìn 8
+34 (0)902 443377
www.museopicassomalaga.org

CONDIVIDI
Sonia D'Alto
Sonia D’Alto ha studiato Archeologia e Storia dell’Arte a Napoli, ha condotto le ricerche per il lavoro finale del Master a Vienna, dove ha indagato le problematiche della performance in rapporto alle tecnologie. Collaboratrice e autrice per diverse riviste d’arte italiane, attualmente è impegnata in Francia come editor associata e come assistente curatrice. Parallelamente si occupa di ricerche nell’ambito del genere e dello statuto delle pratiche artistiche nel post-Internet.